.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
30 settembre 2012
Consiglieri festaioli (e rimborsati?)

La consigliera Angela Motta (del PD), in merito allo "scandalo rimborsi" (su cui indaga la Guardia di Finanza) ha dichiarato a LaStampa che «...gli inviti sono moltissimi. Inviti ai quali sovente partecipano il prefetto e rappresentanti delle forze dell’ordine. Per i sindaci la presenza di un consigliere è un riconoscimento del loro lavoro. Per noi è anche l’occasione di svolgere attività politica. Come si dice, la campagna elettorale comincia il giorno dopo che sei stato eletto...». 

Dove fosse la consigliera MOTTA nel mese di agosto 2011 è cosa nota: lo scrive lei sul suo profilo Facebook pubblicando le foto degli eventi cui partecipa. Sono questi gli eventi istituzionali rimborsati? 











Chiediamo ai consiglieri tutti di farci capire quali impegni istituzionali li hanno "obbligati a lavorare" (e percepire i relativi rimborsi previsti per legge) 15-20 giorni ad agosto. Pubblicheremo le loro risposte.

facebook
28 settembre 2012
Altro che Casta: lavorano anche ad Agosto...

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha pubblicato (QUI) l'elenco dei rimborsi spese richiesti dai consiglieri nel 2011. Ad agosto c'è anche chi ha lavorato più di 10 giorni nonostante la chiusura dell'aula (la prima seduta dopo le ferie 2011 è stata il 14 settembre).

facebook
28 marzo 2012
Nemmeno lo sforzo di scaldare la poltrona! (CONSIGLIERI ASSENTI)

Su quanto lavorano i consiglieri regionali del Piemonte abbiamo già scritto qui (e ogni 6 mesi pubblichiamo l'aggiornamento). Ma a ben guardare i dati 2011 sulle presenze alle sedute di Consiglio Regionale pubblicati qui ci rendiamo conto che il titolo di quel post "Un anno e mezzo in ConsiglioRegionale (e c'è chi ancora scalda solo la poltrona)" non è totalmente esatto: c'è anche chi non si impegna nemmeno a scaldarla la "poltrona":

- Roberto COTA (LegaNord) in ConsiglioRegionale non c'è praticamente mai (...e vabbè, è molto impegnato a fare il Presidente..);

Mercedes BRESSO è spesso assente;

- nel mese di luglio 2011, su 19 sedute di consiglioRaffaele COSTA (PdL) è sempre stato assente (motivi di salute ...per i quali si è anche dimesso da consigliere regionale il mese scorso) mentre i suoi colleghi Massimo GIORDANO (LegaNord) e Pietro Francesco TOSELLI (PdL) son stati presenti rispettivamente 4 e 5 volte;

- anche chi è assente percepisce l'indennità di carica mensile (variabile da 2.700 e 4.900 € netti al mese);

- nel mese di Agosto nessun consigliere lavora ...ma riceve lo stesso la busta paga di 8-12.000 €uro lordi;

- il Gruppo Consiliare del MoVimento5stelle è il più presente di tutti;

- i consiglieri Davide BONO (MoVimento5stelle), Alberto CORTOPASSI (PdL), Lorenzo LEARDI (PdL) e Wilmer RONZANI (PD) sono sempre stati presenti.


E nelle Commissioni cosa succede? Non si sa: li la trasparenza è un po' annebbiata.









facebook
10 ottobre 2011
Un anno e mezzo in ConsiglioRegionale (e c'è chi ancora scalda solo la poltrona)

Sono 171 le proposte di legge presentate in un anno e mezzo di lavoro in Consiglio Regionale. Alcune sono "copiate" dalla legislature precedenti (vedi qui), due (la n.114 e la n.115) sono proposte di Enti locali, una di iniziativa popolare (la n.116), 29 sono i Disegni di Legge proposti direttamente dalla Giunta.
Ne restano 70, scritte e presentate in qualità di "primo firmatario" da soli 29 consiglieri. Gli altri 31 consiglieri non ne hanno presentata nemmeno una
(come primo firmatario):

ZERO proposte di legge presentate (come "primo firmatorio"): Angeleri, Biolè, Boniperti, Botta Franco Maria, Burzi, Bussola, Cantore, Comba, Cortopassi, Costa Raffaele, Costa Anna Rosa, Dell’Utri, Gariglio, Giordano, Giovine, Gregorio, La Rocca, Leardi, Lepri, Maccanti, Manica, Marinello, Mastrullo, Molinari, Muliere, Negro, Novero, Ponso, Sacchetto, Spagnuolo, Toselli.


Non hanno presentato (in qualità di "primo firmatario") nemmeno una Proposta di Legge, nemmeno una Mozione, nemmeno un Ordine del Giorno, nemmeno una Interpellanza, nemmeno una Interrogazione ben 5 consiglieri (vedi QUI): Cristiano BUSSOLA (PdL) - Girolamo LA ROCCA (PdL) - Elena MACCANTI (Lega Nord) - Gianfranco NOVERO (Lega Nord) - Claudio SACCHETTO (Lega Nord).


facebook
24 febbraio 2011
Non è un Consiglio per poveri
La RegionePiemonte ha pubblicato sul Bollettino Ufficiale n.7/2011 il Supplemento Straordinario n.1 “Dichiarazione per la pubblicità dello stato patrimoniale e tributario dei Consiglieri e Assessori regionali - Anno 2009, ai sensi della legge regionale 5 settembre 1983, n. 16”. Online è stata pubblicata solo la "Nota di redazione"  che ci ricorda che "Tutti  i  cittadini  iscritti  nelle  liste  elettorali  per  le  elezioni  del  Consiglio  Regionale  hanno  diritto  di conoscere le dichiarazioni previste dalla presente legge" ...ma sul sito internet non sono state pubblicate le cifre e i nomi!

La copia cartacea è stata stampata in mille copie. Una di queste era reperibile in un cassonetto della raccolta carta ...quindi ...eccovi alcune cifre!
(In attesa di capire se i nomi sono pubblicabili o se i nostri dipendenti politici in Regione non devono rendicontare nulla a chi li ha votati e gli paga lo stipendio, pubblichiamo i dati in modo anonimo - ma chiederemo ad ogni singolo consigliere e assessore di autorizzarci ad inserire il suo nome).

*** *** *** *** ***

Il Consigliere1, proprietario di 4 fabbricati a Torino e di un fabbricato a Bardonecchia (TO), reddito lordo annuo di 75.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 38.000 € raccogliendo però contributi elettorali per 41.000 € di cui 11.000 € da persone giuridiche (non è dato sapere quali).

Il Consigliere2, reddito lordo di 62.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 49.000 €.

Il Consigliere3, reddito lordo di 231.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 50.000 €.

Il Consigliere4, reddito lordo di 107.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 45.000 € raccogliendo però contributi elettorali per 38.000 € di cui 15.000 € da n.4 persone giuridiche.

Il Consigliere5, reddito lordo di 136.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 51.000 € di cui 27.000 € da n.254 persone fisiche e altri 12.000 € da n.2 persone giuridiche.

Il Consigliere6, proprietario di 2 fabbricati a Torino + 2 fabbricati a Chiusa San Michele (TO) + 1 fabbricato a Bardonecchia (TO) + 1 fabbricato a Levice (CN) + 6 terreni a Chiusa San Michele + 1 terreno a Levice (CN)  + 1 terreno a Sant'Ambrogio (TO) + una Lancia Delta + una Jeep Cherokee + una MiniCooper, reddito lordo di 62.000 € (più o meno il costo delle sue auto), ha speso per la propaganda elettorale “solo” 5.500 € .

Il Consigliere7, proprietario insieme a moglie e figlio di 5 fabbricati a Torino + una Fiat Panda  + una Fiat Seicento + una Citroen C3 + una Ford Focus Cmax + una Fiat Seicento + una Punto, ha un reddito lordo di 42.000 € e per la campagna elettorale non ha speso nulla.

Il Consigliere8, proprietario di una imbarcazione Cranchi Atlantique 48 (vedi foto) + Azioni Intesa Sanpaolo + Azioni Mediolanum + Azioni Finmeccanica (quella che ha siglato "... una serie di accordi per definire le potenziali aree di coinvolgimento..." nell'ambito del progetto della Lockheed Martin Aeronautics che costruirà i Jet F-35 da guerra di cui Cota è fervente sostenitore) + Azioni Banco Popolare + Azioni Fondiaria SAI, non ha speso nulla per la campagna elettorale.

Il Consigliere9, proprietario di “un intero edificio di civile abitazione con annessa area cortilizia” a Giffa (VB) + una Audi A6 Avant + una Lancia Appia II AS + una Fiat Bravo + una Minicooper Cabrio + una Moto Malaguti Phantom Max 250cc + il 50% di un'Agenzia Immobiliare molto attiva nell'ambito turistico ricettivo (alberghi) sul Lago Maggiore, reddito lordo di 36.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 36.700 € raccogliendo però contributi elettorali per 26.000 € di cui 22.500 € da persone giuridiche.

Il Consigliere Davide Bono è forse l'unico che da questa elezione ci ha rimesso: prima guadagnava 43.000 € lordi, adesso 30.000 € netti (vedi qui). Il Consigliere Fabrizio Biolè ha speso per la propaganda elettorale 229 € (si si, non manca nessuno zero, la cifra è proprio 229 €).
N.B. Ai due consiglieri del Movimento5stelle non abbiamo chiesto il permesso per pubblicare questi loro dati “personali”: siccome fanno della trasparenza un vanto, siamo certi che non se la prenderanno a male.


Il Consigliere11, reddito lordo di 34.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 41.000 € raccogliendo contributi elettorali per 35.000 € da n.4 persone giuridiche.

Il Consigliere12, reddito lordo di 225.000 €, proprietario insieme alla moglie di una casa a Mondovì (CN) + una casa composta da 4 alloggi a Mondovì + 2 alloggi a Mondovì + un ufficio a Mondovì + un alloggio a Sanremo (IM), ha speso per la propaganda elettorale 38.000 €.

Il Consigliere13, reddito lordo di 59.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 6.000 € di cui 784 € per Visita alla Venaria Reale per 68 persone più guida”.

Il Consigliere14, proprietario di un appartamento a Novara e del 33% di un appartamento a Craveggia (NO), ha speso per la propaganda elettorale 41.000 € raccogliendo contributi elettorali per 53.000 € da n.4 persone giuridiche.

Il Consigliere15, reddito lordo di 39.000 €, proprietario con la moglie di 4 fabbricati + 4 terreni in provincia di Foggia +  un fabbricato a Bardonecchia (TO) + un fabbricato a Torino + una Maserati “Quattroporte”Mercedes R 320 CDI + una  Mercedes R 320 CDI, ha speso per la propaganda elettorale 34.000 €.
N.B. La moglie ha un reddito lordo di 18.000 €.


Il Consigliere16, reddito lordo di 73.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 32.000 € (contributo ricevuto da una sola persona fisica).

Il Consigliere17, reddito lordo di 168.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 35.000 € raccogliendo contributi elettorali per 63.000 € di cui 51.500 € da n.11 persone giuridiche.

Il Consigliere18, reddito lordo di 135.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 49.750 € raccogliendo contributi elettorali per 49.750 € di cui 37.000 € da n.12 persone giuridiche.

Il Consigliere19, il più ricco di tutti con un reddito lordo di 307.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 49.500 € raccogliendo contributi elettorali per 49.500 € di cui 47.500 da n.6 persone giuridiche.

Il Consigliere20, reddito lordo di 114.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 40.150 € quasi tutti raccolti dal “Comitato amici del Consigliere20”.

Il Consigliere21, reddito lordo di 85.000 €, probabilmente non era molto affidabile agli occhi del suo partito tant'è che ha dovuto versare lui 20.000 € alla sua Segreteria Nazionale.

Il Consigliere22, è quello che probabilmente ha guadagnato di più con questa elezione in Consiglio Regionale. Nel 2009 il suo reddito lordo ammontava a 15.000 €. D'ora in poi percepirà 107.436 € lordi all'anno (più i gettoni di presenza , più le spese varie , più il vitalizio, più ecc..).

Il Consigliere23, reddito lordo di 56.000 €, in provincia di Cuneo è proprietario con la moglie di n.14 fabbricati + qualche centinaio di terreni + una Jaguar CF1x Type 2.0 + una Audi A4 + una Audi A3. Ha speso per la propaganda elettorale 27.000 €.

Il Consigliere24, reddito lordo di 142.000 €, ha speso per la propaganda elettorale 49.000 € raccogliendo contributi elettorali per 49.000 € di cui 41.500 da persone giuridiche.

Il Consigliere25, reddito lordo di 138.000 €, è proprietario di un fabbricato a Sestriere (TO) + n.4 fabbricati a Trino (VC) + il 50% di un fabbricato ad Alassio (SV) + il 50% di n.3 fabbricati a Trino (VC), + il 16% di n.2 fabbricati a Trino (VC). Per la campagna elettorale non ha speso nulla: ci ha pensato il partito (forse intenerito dalla sua situazione economica).

Il Consigliere26, reddito lordo di 73.000 €, proprietario di un fabbricato a Villa San Secondo (AT) + un fabbricato in comproprietà a Sanremo + un monolocale a Torino + un fabbricato in comproprietà a Carpasio (IM) + un fabbricato in comproprietà a Sanremo (IM) +  n.2 negozi in comproprietà a Sanremo + un magazzino in comproprietà a Sanremo  + un bilocale in comproprietà a Sanremo  (IM),  per la campagna elettorale non ha speso nulla: ci ha pensato il partito (forse intenerito dal suo non elevatissimo reddito).

Il Consigliere27, reddito lordo di 103.000 €, proprietario di n.9 fabbricati a San paolo Solbrito (AT) + n.3 fabbricati a Villanova d'Asti + n.2 fabbricati abitativi a Villanova d'Asti + n.5 terreni (al 50%) a Villanova d'Asti + n.2 terreni (al 50%) a Valfenera d'Asti + n.853 azioni Unicredit,   per la campagna elettorale ha speso 28.000 €  raccogliendo contributi elettorali per 35.000 € di cui 20.000 da n.1 persona giuridica.



facebook
28 gennaio 2010
Torniamo sulla doppia liquidazione...
Il 4 gennaio avevamo chiesto ai Consiglieri Regionali di esprimere la loro posizione in merito alla proposta di ridimensionamento della cosiddetta "doppia liquidazione". Al 20 gennaio pochi ci avevano risposto, ma di questi molti avevano assicurato un forte impegno affinchè la norma fosse cambiata entro questa legislatura.

Bene, andiamo a vedere come procedono i lavori e chiediamo nuovamente ai consiglieri:
- vi siete mossi in quella direzione e come? Con interpellanze? Sollecitazioni? ecc.
- avete invece trovato poca collaborazione nel vostro partito o da parte di altri partiti?
- avete il sentore che i consiglieri regionali vogliano davvero adeguare entro  questa legislatura la cosiddetta "doppia liquidazione"?

Attendiamo le risposte...

facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE