.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
24 dicembre 2011
Imprese (solide) che falliscono per colpa della politica

Gli amministratori producono debiti che poi non riescono a ripagare (vedi qui). Anche questo causa il fallimento delle imprese (portando qualche imprenditore addirittura al suicidio).

facebook
14 dicembre 2011
Crisi: le banche non hanno colpe
(Scusate il titolo un po' forte ...ma almeno non giriamo attorno al problema e veniamo subito al sodo:-) )
La crisi è colpa delle banche, della Goldman Sachs e delle multinazionali. Si, tutto vero ma… …c’è un ma: le banche non hanno colpe perchè la banche non esistono (o meglio ...non esisterebbero se noi cittadini fossimo un po' più responsabili).

Spesso sentiamo dire che “Le banche sono ricche” e che “…fanno quello che vogliono”. Beh, questo è assolutamente falso. Le banche non sono ricche: sono persone giuridiche proprietarie di una cassaforte dove i cittadini mettono il loro denaro. I cittadini sono ricchi (o meglio, sono i possessori del denaro) non le banche: i soldi nella cassaforte della GoldmanSachs non sono di proprietà della GoldmanSachs. E’ il cittadino a decidere dove depositare i propri risparmi o in quali fondi investire e, di conseguenza, quale banca debba essere più “ricca” (anzi, più potente) di altre.

In soldoni (è proprio il caso di dirlo) il potere ce l’hanno i cittadini risparmiatori, ma non lo sanno o non se ne rendono conto (o preferiscono fidarsi di chi è "più competente”).

Il Gruppo Bancario Intesa-Sanpaolo ha come primo azionista la Compagnia di San Paolo una fondazione in mano ad enti pubblici (Comune di Torino, Regione Piemonte, Camere di Commercio, ecc.) e quindi direttamente ai cittadini (ricordatevene quando andate a votare: saranno i consiglieri eletti da voi a nominare i rappresentanti nelle fondazioni e nelle banche …le stesse banche che poi vi proporranno magari i bond spazzatura o investiranno i vostri risparmi nei derivati finanziari).

Il Monte dei Paschi di Siena è controllato al 49% dall’omonima Fondazione i cui organi d’indirizzo sono nominati dal Comune di Siena, dalla Provincia di Siena, dalla Regione Toscana e dall'Università degli Studi di Siena …cioè da personaggi politici eletti dai cittadini.

Ad Asti la Fondazione CRAsti è proprietaria della banca CRAsti ...e gli azionisti della Fondazione sono tre: Camera di Commercio, Provincia di Asti e Comune di Asti. In pratica gli astigiani sono proprietari della banca (e responsabili diretti/indiretti/morali delle sue azioni).

Sfatiamo anche il secondo mito: “Le banche con i nostri soldi fanno quello che vogliono”. Anche questo non è (più) vero. Esistono esperienze di risparmio autogestito (in Piemonte c’è la Mag4) e di banche più responsabili come ad esempio Banca Etica (scelta anche da BeppeGrillo e dal MoVimento5stelle - vedi QUI) in cui a decidere dove vanno a finire i tuoi soldi, sei tu che li hai depositati.

Se tutti togliessero i loro risparmi dalle banche truffaldine o irresponsabili spostandoli in banche etiche o nelle banche locali come le BCC gli speculatori si estinguerebbero in 5 minuti.

Ora le informazioni le avete: la prossima volta non potrete più dare la colpa alla CIA, ai “poteri forti”, alla massoneria, alle multinazionali o alle banche.


facebook
26 novembre 2011
Cota fermerà il TAV
Oggi su LaRepubblica (vedi qui)...




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Cota TAV tagli crisi

permalink | inviato da bojafauss il 26/11/2011 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
26 ottobre 2011
Stranezze piemontesi (i soldi ci sono ...anzi no)





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Asti Galvagno Regione Piemonte tagli crisi

permalink | inviato da bojafauss il 26/10/2011 alle 12:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
15 dicembre 2010
Una proposta INNOvativa contro la crisi
In questi giorni il mondo cerca di mettere qualche pezza alla crisi economica e finanziaria. Anche i dati sul Piemonte preoccupano molto.

Alcuni nostri Consiglieri Regionali tentano di dare qualche risposta in merito, proponendo ai piemontesi di tirarsi su almeno il morale cantando l'inno piemontese oltre a quello italiano (che hanno "cantato" ieri, vedi foto) e a quello europeo.

Uno dei primi provvedimenti sarà quindi quello di decidere quale debba essere l'inno ufficiale della regione Piemonte scegliendo tra questi già proposti:
- la Marche de Savoye (Savoye? ma non l'avevamo cacciato il Re?) sostenuta dalla Bresso;
- l'Inno Sardo Nazionale che canta "...Iddio conservi il Re - Salvi il Regno Sardo - E gloria allo stendardo - Conceda del suo Re!..." (ma non l'avevamo cacciato il Re?);
- La Monferrina "...Ris e coi e tajarin / Guarda 'n po’ cum’ a balo bin...";
- la Canzone dell'Assietta;
- la Cros Bianca  ascoltabile qui "...Dime 'n pò' Piemontèis: i seve dventà bòrgno, ciòrgn e mut?...".


Aggiornamento del 18 dicembre:
- la LegaNord propone Montagne del me Piemont di Gipo FARASSINO (già parlamentare europeo eletto nella LegaNord...!)



facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE