.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
17 novembre 2011
“…sulla conoscenza da parte di Mario MONTI delle tangenti FIAT rimane perlomeno un ragionevole dubbio“

"Amico personale di Giovanni AGNELLI, nel 1988 Mario MONTI venne chiamato nel Consiglio di amministrazione della Fiat. Anni durissimi, quelli, per la multinazionale dell’auto, scossa dalla battaglia tra Umberto Agnelli, fratello dell’avvocato, e l’amministratore delegato Romiti. Peggio: i bilanci grondavano debiti e perdite. Le irregolarità nei bilanci di quegli anni portarono, in piena Tangentopoli, a un processo conclusosi nel 1997 con la condanna di Romiti, poi revocata nel 2009. Monti, che era anche nel comitato esecutivo dell’azienda, lasciò l’incarico nel 1993." … scrive Vittorio Malagutti sul FattoQuotidiano.

Ma come andarono veramente quei fatti?

 

Lo si può leggere a pag.627 di MANI PULITE – LA VERA STORIA (di Barbacetto, Gomez, Travaglio): Poteva il presidente onorario della FIAT, il senatore a vita Giovanni AGNELLI, non sapere nulla dei fondi neri e delle tangenti del su gruppo? La Procura di Torino si è posta più volte questa domanda, ma non ha ricevuto alcuna notizia di reato né alcuna risposta utile dalle centinaia di testimoni e imputati interrogati (Pomicino avrebbe voluto parlarne fuori verbale ma, quando i pm torinesi gli hanno spiegato che non si può, si è avvalso della facoltà di non rispondere; Craxi ha giurato che di vil denaro si occupava Romiti, mentre l’Avvocato si limitava all’alta strategia). Così la Procura non ha potuto indagarlo. Senonchè il gup Saluzzo, nella sentenza che condanna Romiti e Mattioli, la invita esplicitamente ad aprire un’inchiesta sull’intero Comitato Esecutivo degli anni delle tangenti, e cioè su Giovanni e Umberto Agnelli, Gianluigi Gabetti, Franzo Grande Sevens e Mario Monti. I cinque vengono dunque inquisiti per falso in bilancio nel maggio 1998. Ma ogni tentativo di approfondire il loro eventuale ruolo nel sistema illecito s’infrange dietro i “non so” e le negazioni di chi potrebbe inguaiarli. Così alla Procura non rimane che chiedere l’archiviazione, in quanto “non esistono sufficienti elementi di prova a carico dei membri del Comitato Esecutivo” e “la mera litote del “non poteva non sapere” pare inadeguata a dimostrare in sede penale la consapevolezza delle falsità”. Il 1° settembre 1998 il gip Paola DE MARIA archivia dunque il fascicolo sull’Avvocato e gli altri quattro, scrivendo che è “storicamente provato che Giovanni AGNELLI avesse mentito agli azionisti nel negare” le tangenti FIAT, ma non è provato che le conoscesse. Anche se sulla conoscenza sua e degli altri quattro rimane perlomeno un “ragionevole dubbio”.  

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fiat mario monti agnelli tangenti

permalink | inviato da bojafauss il 17/11/2011 alle 7:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
15 gennaio 2011
Bunga bunga anche per gli operai
Ieri a Mirafiori sembra che tra il "NO" e il "SI MA CON LA VASELINA" abbia vinto la seconda opzione. Un colpo di fortuna per gli operai che da oggi potranno anch'essi divertirsi con il bungabunga.


Fassino Impone l'Operaio Marchionne




facebook
27 novembre 2010
Stupido Uomo al Volante
E' dal 2002 che i sindacati dei metalmeccanici chiedono nuovi progetti ecosostenibili per il rilancio o la riconversione della FIAT puntando da subito (subito ...cioè dal 2002 appunto) sull'AUTO ECOLOGICA.
La risposta dell'azienda torinese (torinese??? ormai la Famiglia Agnelli ne controlla "solo" il 30%) non s'è fatta attendere e dopo soli otto anni ecco la proposta di Sergio MARCHIONNE: "A Mirafiori si produrranno gli ecologicissimi SUV". Proprio come avevano chiesto i sindacati, infatti Raffaele BONANNI (CISL) dichiara che "...il nuovo modello è una garanzia".

L'ultimo nuovo acquisto di Marchionne, la Chrysler Group, ha molta esperienza nel campo (nel campo dei SUV, non in quello dell'auto ecologica) avendo già prodotto automezzi come il Dodge Nitro (8,0 Km/litro), il Chrysler Pacifica (7,6 km/litro) e il Chrysler Aspen (6,8 Km./litro).

Vediamo se la nuova linea ecologica Marchionne riuscirà a competere con l'ecologicissimo Knight XV della Conquest (vedi foto sotto).


P.S.
Si, l'immagine è un fotomotaggio.

P.P.S.
Si, il fotomotaggio è in scala, le proporzioni sono esatte.

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fiat torino suv marchionne mirafiori chrysler

permalink | inviato da bojafauss il 27/11/2010 alle 8:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
facebook
18 settembre 2010
Chiamparino: "RIDURRE I SALARI ALLA FIAT"
Intervistato dal FattoQuotidiano il Sindaco di Torino (e futuro leader del centrosinistra?) Sergio CHIAMPARINO cala l'asso nella manica per rilanciare la competitività della FIAT: "RIDURRE I SALARI E LE FERIE" di operai e impiegati (a dire il vero non ha specificato di chi ...forse intendeva quelle dei dirigenti: valutate voi guardando questo video).



facebook
8 giugno 2010
Citofonare GHIGO

Se avete avuto la fortuna di transitare davanti al bar che sta di fronte a Via Alfieri n.15, sede del Consiglio Regionale, oggi alle 12.05 avrete sicuramente ascoltato la conversazione tra una signora e un noto politico piemontese:
Signora: “....la prego, ci terrei moltissimo
Politico: “...non le garantisco nulla perché sulle nomine decide Ghigo”.



Aggiornamento del 10 giugno ore 15:

Il Parlamento ha approvato il DDL contro le intercettazioni. Fortuna che io ho pubblicato tutto un giorno prima e quindi non sono multabile (12.500 euro). A dire il vero la situazione sarebbe ancora peggiore: il DDL prevede che non si possono pubblicare le intercettazioni su cui un Giudice sta indagando. L'"intercettazione" captata da me non fa parte di un'indagine quindi è pubblicabile. In pratica si possono pubblicare le frasi delle persone sicuramente oneste ma non di quelle indagate!


*********

NEWS DAL CONSIGLIO REGIONALE

Il giorno 02/06/2010 tutti i consiglieri regionali hanno ricevuto la comunicazione del “Gabinetto della Presidenza della Giunta Regionale” (cioè l'ufficio di COTA) in merito al rinnovo, anche in questa legislatura, della “...tradizione già in atto negli anni precedenti...” (si si, c'è scritto proprio così) con la quale FIAT GROUP propone il rinnovo delle condizioni per l'acquisto di automezzi, riservate agli Assessori ed ai Consiglieri della Regione Piemonte”.
In pratica FIAT GROUP riserva a consiglieri e assessori un TRATTAMENTO ECONOMICO DI MAGGIOR FAVORE nell'acquisto di automobili a marchio FIAT, ALFA ROMEO e LANCIA: “Le condizioni sono valide per l'acquisto di un solo veicolo con intestazione anche a favore di un familiare di primo grado. Inoltre è previsto il servizio di ACI GLOBAL gratuito per 2 anni che comprende: traino gratuito, rimborso spese di albergo, recupero del veicolo riparato. Nei locali del FIAT MIRAFIORI MOTOR VILLAGE è presente una boutique con una vasta esposizione di accessori ...lo sconto a Voi riservato sarà del 10%. E' prevista inoltre una vettura sostitutiva per fermo macchina in officina per periodi superiori ai 3 giorni lavorativi. Vi offriamo inoltre la possibilità di provare la vettura desiderata per mezza giornata, una giornata o un intero week end.”

Questi gli sconti riservati a consiglieri e assessori regionali:

FIAT Grande Punto Gpl (listino: €. 14.950): 20% di sconto.
FIAT Croma (listino: €. 25.450): 15% di sconto.
FIAT Ulysse (listino: €. 31.450): 25% di sconto.
ALFA ROMEO 147 Moving (listino: €. 20.130): 14% di sconto.
ALFA ROMEO Spider (listino: €. 31.800): 12% di sconto.
LANCIA Musa Gpl (listino: €. 17.600): 9% di sconto.
LANCIA Phedra (listino: €. 31.450): 12% di sconto.

Concludo con una domanda: “E' etico (o almeno opportuno) che una società che deve molto alle scelte politiche locali o nazionali (incentivi, contributi localizzazione e insediamento, detassazioni, ecc.) offra sconti agli stessi politici che poi dovranno deliberare su questioni che coinvolgono direttamente la società stessa?”.


***

Aggiornamento:
Qualche domanda su quelli che potevano apparire come rapporti privilegiati tra la Regione Piemonte e FIAT era stata posta dai consiglieri regionali di Forza Italia della passata legislatura che sulla questione avevano presentato l'Interpellanza n.54/2005.




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. nomine ghigo auto sconti assessori fiat

permalink | inviato da bojafauss il 8/6/2010 alle 16:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE