.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
4 luglio 2013
Leghista voleva "prendere i grillini a calci" ....ma viene espulso da un "grillino"


facebook
10 febbraio 2013
Le sassaiole dei noTav...


facebook
8 settembre 2012
Se tocchi Grillo...



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. grillo grillini favia movimento 5 stelle

permalink | inviato da bojafauss il 8/9/2012 alle 16:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
21 maggio 2012
Ma quali "grillini"! Fanno il contrario del loro "Capo"!

Su quanto (e come e se) i consiglieri eletti con il moVimento5stelle seguano i dettami/proposte/consigli/direttive/ordini di Grillo è pieno il web. Qualcuno di loro va dietro al comico genovese senza fiatare. Altri lo seguono ma solo se e quando lo ritengono giusto. Altri, pur eletti, fanno quello che vogliono (naturalmente senza violare le famose tre regole5stelle: niente condannati nelle istituzioni, non più di due legislature a testa, niente tesserati ai partiti) a volte interpretando a piacimento ("con buonsenso" dice qualcuno) anche il programma5stelle.

E' accaduto in Emilia Romagna dove qualche mese fa il consigliere De Franceschi
ha ricevuto una "bacchettata" (senza successive conseguenze) da Grillo in persona. Ed è accaduto qualche giorno fa in Piemonte quando il consigliere Fabrizio BIOLE' (impiegato nel settore librario a Cuneo) ha votato a favore dell'emendamento (poi bocciato dall'aula) proposto da alcuni esponenti del centrosinistra in Consiglio Regionale: "La Regione si impegna a sostenere le imprese editoriali locali che utilizzano forme di lavoro non precario".

Il moVimento5stelle (se ne facciano una ragione, i detrattori) funziona proprio così: non c'è un Capo. Ci sono degli eletti che possono essere licenziati soltanto dai loro cittadini.


facebook
4 gennaio 2011
I "grillini" diversi dai partiti veri
I grillini come i partiti "veri" titolava LaStampa qualche settimana fa. Ma mentre l'articolo è abbastanza azzeccato (faranno le «primarie tra liste a 5 stelle», come scrivevamo noi qui) il titolo non ha senso: avete mai visto un partito "vero" con una certa dialettica interna? ...con critiche tra gli appartenenti? ...deputati di PD o PdL che non condividono qualcosa e criticano "il capo"?

No, mai!


Nemmeno in FLI (gruppo che ha criticato il capo Berlusconi) troverete qualcuno che critica il nuovo capo Fini. Alla fine, per quieto vivere, per senso di "responabilità" (per paura di perdere il posto in Parlamento?) si adeguano e votano qualsiasi schifezza anche se non la condividono (tipo i leghisti che votano Andreotti).

Cerchiamo di capire se le due liste hanno proposte a 5 stelle diverse o se si tratta semplicemente di lotte per la poltrona.


Chiediamo alle due liste:
quali sono le vostre proposte per Torino?


1) Bilancio e Finanze: debiti e risanamenti, dove tagliare e dove no, come risanare i conti pubblici?
2) Urbanistica, Viabilità e Trasporti: quale sviluppo urbanistico per Torino, quali idee per la mobilità?
3) Lavoro: quali nuove idee per creare lavoro e PIL o creare benessere senza PIL?
4) Sanità e Servizi Sociali: tagliare? rilanciare? dove trovare le risorse? come colpire i falsi invalidi e le evasioni fiscali ai tributi comunali?
5) Cultura e Istruzione: tutti tagliano ...le vostre proposte "a 5 stelle"?
6) Ecologia e Ambiente: come rilanciare l'edilizia sapendo che meno case significa meno oneri di urbanizzazione? cosa fare per sperare in una Torino respirabile?
7) Diritti e pari opportunità: diritti e doveri per gli immigrati, diritti e doveri per i torinesi, pari opportunità in generale, quali le vostre proposte?
8) ARGOMENTO A PIACERE ...la tua idea "nuova" per Torino...

La lista In MoVimento per Torino a Cinque Stelle la trovate qui www.movimentotorino.it.
La lista MoVimento Torino per la Democrazia Partecipativa la trovate qui www.movimento5stelletorino.it.

N.B. regole del "gioco": le risposte saranno pubblicate sabato 8 gennaio alle 9,00..Nessuna delle due liste conoscerà le risposte dell'altra prima di sabato. Non verrà censurato nulla (le risposte verrano pubblicate così come arriveranno, errori grammaticali inclusi!).
 


facebook
14 settembre 2010
Meglio un giorno da pecora che cent'anni da Leo.
Il consigliere regionale Giampiero LEO ha presentato l'Ordine del Giorno n.66/2010 "CONDANNA DELLA VIOLENZA COME METODO NELL'AZIONE POLITICA". Bravo, ben fatto, condividiamo!
Ma nella stesura ha fatto un errore (forse di battitura, un refuso) e condannando la violenza ha fatto riferimento anche alla "contestazione" pacifica al Senatore SCHIFANI (ne abbiamo parlato qui facendo rilevare che sia la Questura (DIGOS) che la "security" del PD hanno dovuto ammettere che "...i "grillini" non erano violenti..." come si evince chiaramente da questo video).

Chiediamo a tutti i piemontesi di dare una mano a LEO nel ripristino della verità scrivendogli al più presto (in fondo al post, gli indirizzi mail dei possibili destinatari).

IO GLI SCRIVO QUESTA:

Gent.le consigliere regionale Giampiero LEO
Att.ne dei consiglieri cofirmatari dell'OdG MARCO BOTTA
, CRISTIANO BUSSOLA, ALFREDO ROBERTO TENTONI, GIAN LUCA VIGNALE
Att.ne Gruppi Consiliari RegionePiemonte

e p.c. agli organi di stampa regionale

Oggetto: Ordine del Giorno n. 66/2010 "CONDANNA DELLA VIOLENZA COME METODO NELL'AZIONE POLITICA"

Gent.le consigliere Giampiero LEO,
con la presente le faccio rilevare una inesattezza da Lei commessa nel redigere l'OdG n.66/2010 con la quale condanna (giustamente) l'uso della violenza, dell'intolleranza e dell'intimidazione come metodo e sistema di azione e lotta politica.
Nel testo Lei fa riferimento anche alla "contestazione" pacifica organizzata dal Movimento delle Agende Rosse, dalla Resistenza Viola e dagli "Amici di Beppe Grillo - Movimento 5 Stelle" ma erroneamente la accomuna ad un'azione violenta mentre l'iniziativa dei "grillini" è stata definita NON VIOLENTA dalla Questura e dalla "Security" del PD, come si evince da questo
video http://www.youtube.com/watch?v=icp8OiMBbrg
.

Certo di aver contibuito al ripristino della verità, in attesa della sua correzione, le porgo distinti saluti.

data ... e Firma.....



*****

Destinatari:
GIAMPIERO LEO giampiero.leo@consiglioregionale.piemonte.it
MARCO BOTTA marco.botta@consiglioregionale.piemonte.it
CRISTIANO BUSSOLA cristiano.bussola@consiglioregionale.piemonte.it
ALFREDO ROB. TENTONI  roberto.tentoni@consiglioregionale.piemonte.it
GIAN LUCA VIGNALE  gianluca.vignale@consiglioregionale.piemonte.it

PdL gruppo.pdl@consiglioregionale.piemonte.it
LEGA NORD gruppo.leganord@consiglioregionale.piemonte.it
PD gruppo.partitodemocratico@consiglioregionale.piemonte.it
ITALIA DEI VALORI gruppo.italiadeivalori@consiglioregionale.piemonte.it    
MOVIMENTO 5 STELLE movimento5stelle@consiglioregionale.piemonte.it   
UDC gruppo.udc@consiglioregionale.piemonte.it
PENSIONATI CON COTA gruppo.pensionati@consiglioregionale.piemonte.it    
INSIEME PER BRESSO gruppo.insiemeper@consiglioregionale.piemonte.it   
MODERATI gruppo.moderati@consiglioregionale.piemonte.it    
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA gruppo.fds@consiglioregionale.piemonte.it
SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ gruppo.sel@consiglioregionale.piemonte.it   
UNITI PER BRESSO gruppo.unitiperbresso@consiglioregionale.piemonte.it   
VERDI-VERDI gruppo.verdi-verdi@consiglioregionale.piemonte.it



facebook
9 settembre 2010
i "grillini" NON SONO VIOLENTI ...lo dice il PD!
Ascoltando bene il video messo online da YouDem (la Web TV del Partito Democratico) si sentono le parole pronunciate dai responsabili della "security" della FestaDemocratica: "...la Questura mi dice così..." ... "...mi dicono che sono di Askatasuna: dei centri sociali..." ... "...non la contestazione dei "grillini"..." ... "...loro non erano violenti..." (guarda il VIDEO sottotitolato).

....se lo dice il PD...!



facebook
8 settembre 2010
Napolitano "a 5 stelle"
Sabato scorso la "security" e i dirigenti del PD hanno tentato di impedire il libero svolgimento di una manifestazione politica. Questo, a nostro avviso, è un segno dell'allarmante degenerazione che caratterizza i comportamenti dei dirigenti del PD incapaci di rispettare il principio del libero e democratico confronto e incapaci di riconoscere nella magistratura  l'istituzione cui è affidata, nel sistema democratico, ogni chiarificazione e ricerca di verità in merito all'attività che il Presidente del Senato Renato SCHIFANI avrebbe svolto a favore di personaggi legati a Cosa Nostra.

Anche il Presidente della Repubblica Giorgio NAPOLITANO condivide questa posizione e dichiara all'ANSA che "Il tentativo di impedire il libero svolgimento di manifestazioni e discorsi politici è un segno dell'allarmante degenerazione che caratterizza i comportamenti di gruppi sia pur minoritari, incapaci di rispettare il principio del libero e democratico confronto e di riconoscere nel Parlamento e nella stessa magistratura le istituzioni cui è affidata, nel sistema democratico, ogni chiarificazione e ricerca di verità".



facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE