.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
9 marzo 2015
a Torino si parla di MAFIA ma la stampa non partecipa

Mi aveva stupito non poco poter avere (in qualità di “blogger a tempo perso”) facilmente il pass per i posti riservati alla stampa in occasione di un grande evento come quello di sabato scorso a Torino con personaggi del “calibro” di Salvatore Borsellino, Renato Accorinti, Sabina Guzzanti, Marco Travaglio e il giudice Antonino Di Matteo. Eppure il Movimento delle Agende Rosse di Torino, organizzatore delll'evento, mi aveva subito risposto positivamente: "Il pass è pronto". Strano…avrei dato per scontato che quei posti sarebbero stati riservati alla stampa “vera”


Probabilmente i pass-stampa saranno molti, pensai. Nulla di tutto questo. Arrivando lì sabato ho scoperto che gli otto posti riservati alla stampa erano per metà liberi! La sala era piena. L’evento importante. La stampa assente. Sulle edizioni locali di Repubblica e Stampa del giorno dopo nemmeno un trafiletto.

Per fortuna il FattoQuotidiano ha trasmesso la diretta streaming dell’evento (visibile QUI).

A Travaglio è toccato spiegare come mai la nuova legge “contro” il reato di voto di scambio politico-mafioso non è altro che uno slogan ma sarà sostanzialmente un flop (vedi QUI).

Accorinti ha raccontato che l’Ars (consiglio regionale siciliano) gli ha vietato l’ingresso in quanto “privo di giacca e cravatta” (vedi qui) mentre possono accedervi senza problemi gli indagati che indossano giacca e cravatta.

Per la serie “al peggio non c’è mai fine” Salvatore Borsellino ha avuto l’onere di informare i cittadini in sala che Di Matteo non sarebbe venuto perché lo stato ha dichiarato di non riuscire a garantire per la sua sicurezza. Per quella di Berlusconi invece nessun problema.

In ultimo Sabina Guzzanti ha raccontato le vicissitudini legate alla proiezione del film La Trattativa, praticamente sparito dalle sale dopo poche settimane ma tornato alla ribalta (con relative sale di nuovo piene) dopo la proiezione avvenuta alla Camera dei Deputati grazie all’iniziativa dei parlamentari del Movimento 5 stelle.

Tutto questo c’entrerà qualcosa con il fatto che l’Italia si trova al 73° posto nella classifica mondiale della libertà di stampa?

 Fabio MARTINA - BojaFauss

 

facebook
19 febbraio 2015
Di Matteo, Travaglio, Guzzanti, Borsellino a Torino contro la mafia
Evento FB: www.facebook.com/events/1549867468604594/



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. travaglio mafia guzzanti di matteo

permalink | inviato da bojafauss il 19/2/2015 alle 14:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
5 gennaio 2012
in Piemonte sono 141 i beni confiscati alla Mafia (ma solo 4 quelli riconvertiti)

Sull'ultimo numero di Altreconomia si affrontano le problematiche (burocrazia, ipoteche, ecc.) afferenti l'effettivo ri-utilizzo ai fini istituzionali e sociali dei beni immobili confiscati alla Mafia.
Dall'elenco si evince che i beni confiscati ai mafiosi, in Piemonte sono 141 (
vedi qui), la maggior parte in provincia di Torino.



Di questi, solo 4 sono provvisti del necessario Decreto di Destinazione:



E nel tuo comune la situzione qual è? (controlla qui)


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mafia beni confiscati libera piemonte

permalink | inviato da bojafauss il 5/1/2012 alle 13:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
facebook
15 giugno 2011
Mafia e politica, un sostanziale pareggio.
Nei giorni scorsi hanno fatto scalpore le notizie sui rapporti tra 'ndranghetisti e alcuni politici di centrosinistra che hanno coinvolto sindaciex sindaci, consiglieri, deputati .

E' di oggi la notizia che anche nel centrodestra piemontese assessori, consiglieri  ed ex sindaci  non sono proprio degli stinchi di santo.

Quindi, un sostanziale pareggio tra centrodestra e centrosinistra.



facebook
1 giugno 2011
SiTav vs SiMafia (trova le differenze)
Nel febbraio1986 500 palermitani manifestarono davanti al municipio per protestare contro la disoccupazione. I soliti ignoti sfilarono con cartelli e scritte provocatorie: "Vogliamo la mafia". "Ciancimino sindaco". "Con la mafia si lavora, senza no".

Ieri a Susa (TO) hanno manifestato i SiTav. I soliti ignoti hanno sfilato con cartelli e scritte provocatorie
: "No tav no lavoro".

Trova le differenze.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Tav SiTav NoTav mafia lavoro

permalink | inviato da bojafauss il 1/6/2011 alle 10:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
facebook
8 febbraio 2011
Violante con la Mafia non c'entra. Con la "trattativa"...
Sabato scorso al Politecnico di Torino è stato proiettato il docufilm "19 luglio 1992 - Una strage di Stato" (qui è visibile l'anteprima).
Chiunque sia un po' informato sulla storia della Mafia italiana non si stupirà molto vedendo chiamati in causa Dell'Utri, Mangano e Berlusconi.

Forse però si stupirà un po' scoprendo che Luciano VIOLANTE era stato contattato dall'allora Comandante del ROS Mario MORI affinchè incontrasse, in qualità di Presidente della Commissione Antimafia, Vito Ciancimino (con il quale il Gen. MORI stava trattando "per conto dello Stato").

Perchè Violante non ha subito informato i giudici ma ha aspettato 17 anni per farlo? Le sue rivelazioni  sarebbero state molto utili.


facebook
1 dicembre 2010
Infiltrazioni mafiose nell'economia astigiana?
Così titolava la scorsa settimana il giornale locale LA NUOVA PROVINCIA: "Infiltrazioni mafiose nell'economia astigiana?".

Che in Piemonte vi siano fenomeni mafiosi era noto da anni:

- "Operazione tra Sicilia e Piemonte, 8 in cella - Una truffa da 100 miliardi grazie al vino adulterato" titolava LaStampa nel 1995;

- "Su Asti si allunga l'ombra dei grandi traffici di droga" su LaStampa nel 1996;

- ancora nel 2002 si poteva leggere "Maxi condanne per spaccio - Inflitti 50 anni di carcere a quattro astigiani";


- nel 2004 la COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA SUL FENOMENO DELLA CRIMINALITA` ORGANIZZATA MAFIOSA scriveva: "...Nelle zone di Asti, Nizza Monferrato e Canelli risiedono alcuni soggetti di origine calabrese e siciliana, sospettati di contiguità con la criminalità organizzata. Si presume che vivano con il provento di illecite attività, mantenendo stretti contatti tra loro e con altri pregiudicati di altre province del Piemonte e del Nord Italia..." ... "...Cosca: «IMERTI» - Zona d’influenza: Asti, Canelli, Nizza Monferrato - Settori illeciti: traffico di stupefacenti, estorsioni, usura...";


- nel 2008 il discorso non cambia: «‘Ndrangheta: fenomeno diffuso anche in Piemonte».



Ora ci si mette pure Saviano a tirare in ballo la mafia, il settentrione, e anche la LegaNord...



facebook
5 settembre 2010
Aggressione (d)ai "grillini"
Ieri il popolo della ResistenzaViola, le AgendeRosse e alcuni simpatizzanti del Movimento5stelle di Beppe Grillo hanno tentato di portare una voce di dissenso al Presidente del Senato Renato SCHIFANI invitato dal PD alla FestaDemocratica di Torino. I ragazzi della Resistenza Viola criticavano Schifani per i suoi rapporti con certi personaggi legati alla mafia mentre il Movimento 5 Stelle chiedeva conto al Senatore in merito alle 350.000 firme raccolte durante il V-Day per la proposta di legge contro i condannati in Parlamento.

Fassino e Giubilei hanno apostrofato i "contestatori" chiamandoli SQUADRISTI e FASCISTI. Ma a ben guaradre il video si scopre che gli aggressori non erano i grillini.



L'Italia deve imparare a conviverci, con Schifani?




facebook
2 gennaio 2010
Bresso, Chiamparino, UDC e...
Chiamparino (30/12/2009): "..si sta realizzando quell’ampia coalizione che avevo auspicato ...si stanno creando le condizioni per una larga coalizione che comprenda sia il centro sia la sinistra.."

Vietti (29/11/2009): "..Bresso non ci sta? C'è sempre la destra"

Bresso (10/11/2009): "..l’Udc ce l’ha con me perché io sono una laica in sintonia con gruppi cattolici come Libera che sostengono sia necessario fare attenzione alle infiltrazioni mafiose.."

Bresso (24/02/2009): "..ammetto che Cuffaro e l’Udc in Sicilia sono un problema serio.."



Dopo queste pillole di alta politica nell'interesse dei cittadini vi segnaliamo che gli inviti auspicati dal partito dell'amore hanno dato buoni frutti in quel di Valperga Caluso dove due consiglieri comunali hanno espresso il loro amore natalizio con pacifici auguri come "Io ti ammazzo" e con spintoni e pugni (http://torino.repubblica.it/dettaglio/a-valperga-botte-e-insulti-durante-il-consiglio-comunale/1816243).




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bresso udc mafia

permalink | inviato da bojafauss il 2/1/2010 alle 11:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE