.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
12 agosto 2014
Perchè nessuno ne parla??? COMPLOTTO!

Tra i vari complotti in voga uno solo mi fa davvero paura perchè TV e giornali ci tengono all'oscuro da mesi:

COME FA IL 40% DEGLI ITALIANI A VOLER VOTARE DI NUOVO RENZI???




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd sondaggi renzi complotto

permalink | inviato da bojafauss il 12/8/2014 alle 10:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
facebook
6 agosto 2014
Ecco il link dello streaming Renzi-Berlusconi
Chissà se questa volta (vedi qui e qui) il Vicepresidente della Camera dei Deputati ROBERTO GIACHETTI (PD) ci fornirà anche il link per seguire in diretta streaming l'incontro Renzi-Berlusconi...?



facebook
27 maggio 2014
"Soldi per votare Chiamparino" (scrive un cittadino su Fb)
Questo è quanto si legge nei commenti al post: https://www.facebook.com/davide.bono5S/posts/794436607256055




facebook
1 maggio 2014
SWG CAMBIA PRESIDENTE E IL PD SALE NEI SONDAGGI

Spulciando ScenariPolitici, l'ultimo sondaggio SWG per le Europee 2014 ha catturato la mia attenzione:

Uno dei dati più bassi per il M5S nella folta schiera di sondaggi per le Europee 2014: Ixè dà M5S al 27.4%, EMG al 24.4%, Demopolis al 23.8%, ecc.

Mi ha colpito perché ricordavo SWG come uno fra gli istituti di ricerca statistica che più si era avvicinato al reale risultato del M5S prima delle elezioni Politiche 2013 (sbagliato praticamente da tutti gli "esperti" sondaggisti).

Come mai SWG ha subito un cambiamento così radicale, passando dall'essere uno degli istituti di ricerca che dava M5S più forte, a uno di quelli che dà M5S più debole (nonché uno stratosferico Pd al 35.4%)? SWG ha cambiato metodi di ricerca? No: ha cambiato presidente. Roberto Weber è stato sostituito la scorsa estate da Maurizio Pessato.

Pessato sembra un estimatore di Matteo Renzi (nulla di male in questo n.d.r.): "Sicuramente Matteo Renzi ha le carte in regola per essere il personaggio dell'anno. Nel 2014 dovrà esprimersi e consolidare il suo potere dimostrando di saper dare seguito alle aspettative che ha sollevato durante la campagna per la segreteria del Partito democratico". Sembra invece nutrire poche simpatie per il M5S (nulla di male in questo n.d.r.): "Il M5S è forte perché risponde, almeno in parte, alle ragioni di chi protesta contro la crisi e contro questa classe politica incapace. Il problema è che Grillo è nel guado e rischia di essere logorato. Da una parte ha i forconi e gli altri movimenti di protesta extraparlamentari che sono scesi in strada. Dall'altra, non essendo un partito costruttivo, visto che in Parlamento è rimasto alla finestra, è incapace di incidere nella vita del Paese". Le simpatie di Pessato per il Centrosinistra non sono un segreto ("Maurizio Pessato (DS)" scrive qui Caregari mente IL PICCOLO fa rilevare questo).

Ma la cosa più buffa è un'altra.

A parte Scenari Politici, la 'ditta' che vede M5S più in alto è Ixè (27,4%). Indovinate chi è il presidente di Ixè? Esatto, è proprio Roberto Weber. Lo stesso che era presidente di SWG quando SWG ci vedeva meglio degli altri sul M5S per le Politiche 2013. Il Weber che, a occhio e croce, profetizzò il boom di M5S, nel caso in cui fosse andato bene in Sicilia.

Secondo noi è una semplice coincidenza. Secondo altri, no. Lo scopriremo il 25 maggio?






Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra pd ds grillo sondaggi swg m5s pessato

permalink | inviato da bojafauss il 1/5/2014 alle 9:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
28 febbraio 2014
INCREDIBILE! Guardate cosa combina il M5s-Piemonte! (a proposito di democrazia interna...)
Accade in Piemonte in vista delle elezioni regionali anticipate:

Il candidato del Centrosinistra deve avere l'OK del capo:



Il candidato del Centrodestra deve avere l'OK del capo:


Il candidato del MoVimento5stelle deve avere l'OK dei cittadini (e il "capo Grillo" non può opporsi):




facebook
7 gennaio 2014
Ma i politici sanno cosa votano?

Estratto del libro LE CATENE DEL DEBITOIntervista all'autore Francesco Gesualdi  qui.

I parlamentari di PD, PdL, UdC, FLI, ApI, Radicali Italiani, MpA, Fareitalia, PID, PLI, PRI, Liberal Democratici, AdC, PSI, MAIE che sostenevano il governo MONTI, si rendevano conto di cosa stavano votando?

 







E i cittadini si rendono conto di chi stanno delegando quando mettono la X sulla scheda elettorale?



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd grillo monti pdl gesualdi fiscal compact

permalink | inviato da bojafauss il 7/1/2014 alle 11:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
13 novembre 2013
Reddito di cittadinanza, le coperture ci sono (lo dice il PD)
Le coperture finanziare necessarie per istituire un reddito di cittadinanza ci sono. A dirlo non sono quei demagoghi dei grillini ma un Disegno di Legge presentato dal PD nel 2011:



La proposta del PD prevedeva un reddito garantito di 7.000 € l'anno anche agli «inoccupati»: coloro che, senza aver precedentemente svolto un’attività lavorativa, sono alla ricerca di un’occupazione.



"E le coperture?", direbbe oggi Fassina al Movimento 5 stelle. Eccole (dice il PD):

Art. 7. (Disposizioni finanziarie)
1.  Ai maggiori oneri derivanti dall’attuazione delle disposizioni di cui alla presente legge, valutati in 10 miliardi di euro a decorrere dall’anno 2012, si provvede a valere sulle maggiori entrate e sui maggiori risparmi di spesa di cui al presente articolo.
- risparmi derivanti dal divieto di cumulo delle prestazioni ai sensi del comma 2 dell’articolo 3;
- l’aliquota dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale è innalzata al 20% (ad eccezione dei rendimenti da titoli di Stato);
- alle attività finanziarie e patrimoniali, oggetto di rimpatrio (Scudo fidcale) o regolarizzazione ai sensi del D.L.78/2009 si applica un’imposta straordinaria sul patrimonio relativo all’intero ammontare delle somme con un’aliquota aggiuntiva pari al 2%;
- le spese di funzionamento relative alle missioni di spesa di ciascun Ministero sono ridotte;
- l’uso delle autovetture in dotazione a ciascuna amministrazione (auto blu) è ammesso strettamente per esigenze di servizio;
- tutti coloro che hanno ricoperto cariche pubbliche a qualsiasi titolo, e che sono cessati dalla carica, perdono il diritto all’uso dell’autovettura di Stato;
- rideterminazione delle strutture periferiche, prevedendo la loro riduzione e la loro ridefinizione, ove possibile, su base regionale o la riorganizzazione presso le prefetture-uffici territoriali del Governo.




facebook
4 ottobre 2013
Con la Legge elettorale a 5 stelle vince "sempre" la Casta
I parlamentari del MoVimento5stelle hanno pubblicato la loro proposta di Legge Elettorale (qui http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/affaricostituzionali/2013/09/una-legge-elettorale-per-i-cittadini.html).
Sfogliano il dossier allegato la frase che forse colpisce di più è questa:



Spiegano inoltre i CinqueStelle: "L’esperienza spagnola dimostra che il sistema induce gli elettori a convergere sulle forze maggiori, così che, di fatto, vi è la concreta possibilità che una forza  politica possa governare da sola in tutti i casi nei quali riesca  ad  ottenere  una  consistenza  elettorale  piuttosto  elevata,  anche  se  non  è  necessario  ottenere  la maggioranza assoluta dei voti, come accadrebbe nei proporzionali puri (in Spagna è capitato che anche col 39% una sola forza politica abbia ottenuto una maggioranza – ancorché risicata – alle Cortes; mediamente, però, occorre qualche punto percentuale in più). Tuttavia, è anche accaduto che l’elettorato spagnolo non abbia  garantito  ad  un  unico  partito  la  maggioranza  assoluta  dei  seggi  e  si  sono  avuti  Governi  retti  in Parlamento  da  una  maggioranza  composta  dai  parlamentari  di  quel  partito  e  da  qualche  forza  politica minore. D’altro canto, tutti i sistemi elettorali (anche i proporzionali molto corretti o i maggioritari puri) accolti dalle democrazie  parlamentari  consolidate  contemplano  l’ipotesi  che  il  voto  non  produca  una  maggioranza precostituita in Parlamento, se l’elettorato è molto diviso.  Basti pensare che col sistema più maggioritario impiegato nelle democrazie classiche, proprio alle ultime elezioni non si è prodotta alcuna maggioranza alla Camera dei Comuni, così che l’attuale Governo Cameron è un tradizionale governo di coalizione".

Fanno notare praticamente la stessa cosa alcuni attivisti (qui: http://files.meetup.com/3936842/risposta_legge_elettorale_comm.I.pdf):




Quello che potrebbe accadere:

Caso 1
Il MoVimento5stelle prende almeno il 39% e gli altri partiti meno: il M5s governa da solo con la maggioranza dei seggi.

Caso 2
Il MoVimento5stelle prende il 38% (o meno): il M5s non fa alleanze con nessuno (la regola è questa) pertanto o i deputati di destra e sinistra sostengono un Governo5stelle senza chiedere nulla in cambio oppure la Casta si coalizza e governa con le larghe intese (larghe spartizioni) come ha sempre fatto.


facebook
7 giugno 2013
I CRIMINI COMPIUTI DAI CINQUE STELLE
Questo post avrebbe dovuto trattare di illegalità e crimini compiuti dagli amministratori eletti nel Movimento5stelle.

Pur scandagliano il web non ne abbiamo trovati.

Ci scusiamo pertanto con i lettori ma abbiamo a disposizione soltanto l'elenco di condannati, prescritti, arrestati, patteggianti del Partito Democratico.


* * * * *

Bartolomeo Valentino ex assessore di Collegno (Torino): 2 anni per concussione.

Antonio Tenace assessore della Provincia di Novara: 2 mesi e 20 giorni per violazione del segreto d’ufficio.

Michele Cressano consigliere comunale a Vercelli: falso ideologico e abuso d’ufficio.

Giusi La Ganga candidato alle ultime elezioni comunali del Pd: 20 mesi di reclusione e multa di 500 milioni di lire per finanziamento illecito ai partiti.

Giuseppe Catizone sindaco di Nichelino: abuso edilizio.

Andrea Oddone sindaco di Ovada: omicidio colposo.

Franco De Amicis ex segretario Pd Basso Canavese: bancarotta fraudolenta.

Franco Pronzato ex consigliere di Claudio Burlando e Bersani: corruzione.

Franco Bonanini presidente del Parco delle Cinque Terre e parlamentare europeo: truffa e associazione a delinquere.

Roberto Drocchi funzionario, ex candidato di Savona: truffa continuata e falso in atti pubblici.

Vito Vattuone consigliere regionale: associazione per delinquere, corruzione e altri reati.

Giancarlo Cassini assessore regionale all’Agricoltura: associazione a delinquere, corruzione e altri reati.

Massimo Casagrande ex consigliere comunale di Genova: 1 anno e 6 mesi per corruzione.

Claudio Fedrazzoni ex consigliere comunale di Genova: 1 anno e 6 mesi per turbativa d’asta.

Stefano Francesca ex portavoce del sindaco di Genova: 1 anno e 4 mesi per corruzione.

Filippo Penati ex presidente della Provincia di Milano: corruzione, concussione e finanziamento illecito.

Tiziano Butturini ex sindaco di Trezzano sul Naviglio: 2 anni e 5 mesi per corruzione.

Luigi Ralenti sindaco di Serramazzoni (Modena): corruzione e turbativa d’asta.

Alberto Caldana ex assessore della Provincia di Modena: peculato.

Flavio Delbono ex sindaco di Bologna: 1 anno e 7 mesi per truffa aggravata, peculato, intralcio alla  giustizia.

Alberto Ravaioli sindaco di Rimini: abuso d’ufficio.

Aldo Preda, ex senatore, Cinzia Ghirardelli, membro coordinamento provinciale, Cesare Marucci, ex consigliere comunale di Ravenna, Gianluca Dradi ex assessore di Ravenna: tutti per falso in bilancio.

Nerio Marchesini attivista: trasferimento fraudolento di valori di una ‘ndrina calabrese.

Alberto Formigli ex capogruppo in comune a Firenze: associazione per delinquere, corruzione e altri reati.

Salvatore Scino vicepresidente del consiglio comunale: falso ideologico.

Andrea Vignini sindaco di Cortona (Arezzo): abuso d’ufficio.

Graziano Cioni ex assessore di Firenze: corruzione e violenza privata.

Gianni Biagi ex assessore all’Urbanistica di Firenze: corruzione.

Gianluca Parrini consigliere regionale: abuso d’ufficio.

Gian Piero Luchi ex sindaco di Barberino del Mugello: abuso d’ufficio.

Alberto Lotti ex vicesindaco di Barberino del Mugello: corruzione e abuso d’ufficio.

Paolo Cocchi ex assessore regionale: abuso d’ufficio.

Daniele Giovannini ex assessore comunale di Barberino del Mugello: abuso d’ufficio.

Giovanni Guerrisi consigliere comunale di Barberino del Mugello: falso ideologico.

Marzio Flavio Morini sindaco di Scansano (Grosseto): corruzione.

Fabrizio Agnorelli sindaco di Piancastagnaio (Siena): truffa aggravata e falso.

Fabrizio Neri ex sindaco di Massa-Carrara: abuso d’ufficio.

Antonella Chiavacci ex sindaco di Montespertoli: omissione di controllo.

Eros Brega presidente del consiglio regionale: peculato e concussione.

Maria Rita Lorenzetti ex presidente della regione: abuso d’ufficio.

Maurizio Rosi ex assessore regionale alla Sanità: abuso d’ufficio.

Luca Barberini consigliere regionale: peculato.

Nando Misnetti sindaco di Foligno: peculato.

Sandra Santoni ex capo di gabinetto di Lorenzetti: peculato.

Giacomo Porrazzini ex sindaco di Terni ed ex deputato europeo: disastro ambientale e truffa.

Fabio Sturani ex sindaco di Ancona: 1 anno e 9 mesi e interdizione dai pubblici uffici per 5 anni per concussione.

Domenico Gatti sindaco di Modugno (Bari): falso ideologico.

Alberto Tedesco senatore: associazione per delinquere, corruzione, concussione, turbativa d’asta, abuso d’ufficio e falso.

Michele Mazzarano ex segretario organizzativo del partito: finanziamento illecito ai partiti.

Flavio Fasano ex sindaco di Gallipoli (Lecce) ed ex assessore provinciale ai Lavori pubblici: 2 anni per falso e rinviato a giudizio per turbativa d’asta.

Sandro Frisullo ex vicepresidente della regione: associazione a delinquere e turbativa d’asta.

Antonio De Caro capogruppo al consiglio regionale ed ex assessore di Bari alla Mobilità e al traffico: tentativo d’abuso d’ufficio.

Adolfo Schiraldi ex presidente consiglio comunale di Triggiano (Bari): concussione.

Agazio Loiero ex governatore regionale: associazione per delinquere, falso e abuso d’ufficio e imputato per abuso d’ufficio.

Nicola Adamo ex vicepresidente della giunta regionale: associazione per delinquere, falso e abuso d’ufficio e imputato per associazione per delinquere, concussione, abuso d’ufficio.

Pietro Ruffolo assessore comunale di Cosenza: associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio, e arrestato per detenzione abusiva d’armi.

Giuseppe Mercurio ex capogruppo al Comune di Crotone, 4 anni per voto di scambio.

Statis Tsuroplis imprenditore iscritto al partito ed ex consigliere del sindaco di Venezia: 1 anno e 9 mesi per corruzione.

Tullio Cambruzzi, tesserato pd e manager pubblico: corruzione, ha patteggiato 2 anni.

Piero Marrazzo ex presidente della regione dimessosi dopo una vicenda di cocaina e trans.

Francesco Paolo Posa ex sindaco di Frascati e consigliere provinciale: truffa, falso e indebita percezione di  erogazioni pubbliche.

Guido Milana eurodeputato ed ex presidente del consiglio regionale: truffa, falso e indebita percezione di  erogazioni pubbliche.

Ruggero Ruggeri consigliere provinciale: truffa, falso e indebita percezione  di erogazioni pubbliche.

Valdo Napoli ex assessore all’Ambiente di Montefiascone: corruzione.

Antonio Bassolino ex presidente della regione: epidemia colposa e omissione d’atti d’ufficio, sotto processo per truffa aggravata ai danni dello Stato e frodi in pubbliche forniture e per peculato.

Rosa Russo Iervolino ex sindaco di Napoli: epidemia colposa e omissione in atti d’ufficio.

Andrea Lettieri ex sindaco di Gricignano d’Aversa (Caserta): concorso esterno in associazione mafiosa.

Vincenzo De Luca ex senatore e sindaco di Salerno: abuso d’ufficio, concussione, associazione per delinquere finalizzata a truffa e falso.

Corrado Gabriele consigliere regionale ed ex assessore regionale: 4 anni e 3 mesi per pedofilia.

Aniello Cimitile presidente della Provincia di Benevento: falso.

Enrico Fabozzi sindaco Villa Literno: concorso esterno in associazione mafiosa

Giuseppe Russo cons. regionale: truffa. Carlo Nastelli ex consigliere comunale di Castellammare: tentata estorsione.

Carlo Nastelli, Nino Longobardi, Antonio Cinque ex consiglieri comunali di Castellammare di Stabia: truffa ai danni dello Stato e concorso in falso.

Renato Soru, ex presidente regione, consigliere regionale e membro della segreteria nazionale: aggiotaggio, assolto in primo grado per abuso d’ufficio e turbativa d’asta.

Graziano Milia presidente Provincia di Cagliari: 1 anno e 4 mesi per abuso d’ufficio.

Roberto Deriu, presidente Provincia di Nuoro: abuso d’ufficio.

Ottaviano Del Turco ex presidente della regione: associazione per delinquere, concussione, corruzione e altri reati.

Antonio Boschetti ex assessore regionale alle Attività produttive: associazione per delinquere, concussione e altri reati.

Bernardo Mazzocca ex assessore regionale alla Sanità. associazione per delinquere, concussione e abuso d’ufficio.

Camillo Cesarone ex capogruppo alla regione: associazione per delinquere, concussione e corruzione.

Luciano D’Alfonso ex sindaco di Pescara: 4 mesi per abuso d’ufficio.

Massimo Cialente sindaco dell’Aquila: rifiuto in atti d’ufficio.

Fabio Ranieri consigliere comunale dell’Aquila: truffa.

Franco Stella presidente Provincia Matera: indagato per abuso d’ufficio.

Prospero De Franchi ex presidente del consiglio regionale: rinviato a giudizio per falso e truffa.

Pasquale Robortella consigliere regionale e sindaco di San Martino d’Agri: rinviato a giudizio per truffa ai danni dell’Ue.

Nicola Montesano consigliere comunale di Policoro (Matera): indagato per falso e turbativa d’asta.

Gaspare Vitrano deputato regionale: concussione.

Elio Galvagno consigliere regionale: falso in bilancio.

Salvatore Termine consigliere regionale: falso in bilancio.

Vladimiro Crisafulli senatore: falso in bilancio, rinviato a giudizio per abuso d’ufficio.

Giuseppe Picciolo deputato regionale: calunnia.

Vittorio Gambino funzionario: falso in atto pubblico.

Giuseppe Palermo funzionario: falso in atto pubblico.


....continua...


facebook
10 aprile 2013
I parlamentari del PD siedono su due poltrone (alcuni su tre)
SENATORI DEL PD CON DOPPI E TRIPLI INCARICHI:

Federico FORNARO
Senatore eletto in Piemonte + Consigliere Provinciale ad Alessandria + Sindaco di Castelletto d'Orba (AL)

Patrizia MANASSERO
Senatrice eletta in Piemonte + Consigliere Comunale a Cuneo + Consigliere Provinciale a Cuneo

Claudio BROGLIA
Senatore eletto in Emilia-Romagna + Sindaco di Crevalcore (BO)

Valeria Cardinali
Senatrice eletta in Umbria + Assessore a Perugia

Isabella DE MONTE
Senatrice eletta in Friuli-Venezia Giulia + Sindaco di Pontebba (UD)

Erica D'ADDA
Senatrice eletta in Lombardia + Consigliere Comunale a Busto Arsizio (VA)

Elena FERRARA
Senatrice eletta in Piemonte + Consigliere Comunale a Oleggio (NO)

Nicoletta FAVERO
Senatrice eletta in Piemonte + Consigliere Comunale a Biella

Claudio MOSCARDELLI
Senatore eletto nel Lazio + Consigliere Comunale a Latina

Gianluca ROSSI
Senatore eletto in Umbria + Consigliere Regionale dell’Umbria

Annamaria PARENTE
Senatrice eletta nel Lazio + Assessore a Forano (RI)

Maria Spilabotte
Senatrice eletta nel Lazio + Consigliere Comunale a Frosinone

Ugo SPOSETTI
Senatore eletto nel Lazio + Consigliere Comunale a Viterbo

Magda Angela ZANONI
Senatrice eletta in Piemonte + Assessore a Pinerolo (TO)

Angelica SAGGESE
Senatrice eletta in Campania + Consigliere Comunale a San Gregorio Magno (SA)


DEPUTATI DEL PD CON DOPPI E TRIPLI INCARICHI:

Marina Berlinghieri:
Deputata eletta in Lombardia + Assessore a Pisogne (BS) + Consigliere Comunale a Pisogne (BS)

Floriana CASELLATO
Deputata eletta in Veneto + Consigliere Provinciale a Treviso + Sindaco a Maserada sul Piave (TV)

Federico Ginato
Deputato eletto in Veneto + Assessore a Pojana Maggiore (VI) + Consigliere Comunale a Pojana Maggiore (VI)

Ernesto MAGORNO
Deputato eletto in Calabria + Sindaco a Diamante (CS) + Consigliere Provinciale a Cosenza

Simone VALIANTE
Deputato eletto in Campania + Vicesindaco a Cuccaro Vetere (SA) + Consigliere Provinciale a Salerno

Alessandra Terrosi
Deputata eletta nel Lazio + Assessore ad Acquapendente (VT) + Consigliere Comunale ad Acquapendente (VT)

Maria AMATO
Deputata eletta in Abruzzo + Consigliere Comunale a Vasto (CH)

Matteo BIFFONI
Deputato eletto in Toscana + Consigliere Comunale a Prato

Caterina BINI
Deputata eletta in Toscana + Consigliere Regionale in Toscana

Luigi BOBBA
Deputato eletto in Piemonte + Consigliere Provinciale a Vercelli

Francesco Bonifazi
Deputato eletto in Piemonte + Consigliere Comunale a Firenze

Francesca Bonomo
Deputata eletta in Piemonte + Consigliere Comunale a Barbania (TO)

Enrico BORGHI
Deputato eletto in Piemonte + Sindaco a Vogogna (VB)

Alfredo Bazoli
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Comunale a Brescia

Davide BARUFFI
Deputato eletto in Emilia-Romagna + Consigliere Provinciale a Modena

Elena CARNEVALI
Deputata eletta in Lombardia + Consigliere Comunale a Bergamo

Ezio Primo CASATI
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Provinciale a Milano

Antonio CASTRICONE
Deputato eletto in Abruzzo + Consigliere Provinciale a Pescara

Salvatore CAPONE
Deputato eletto in Puglia + Assessore a San Cesario di Lecce (LE)

Emanuele CANI
Deputato eletto in Sardegna + Consigliere Provinciale a Carbonia-Iglesias

Paolo COPPOLA
Deputato eletto in Friuli-Venezia Giulia + Assessore a Udine

Paolo  Cova
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Provinciale a Milano

Magda  CULOTTA
Deputato eletto in Sicilia + Sindaco a Pollina (PA)

Eleonora  Cimbro
Deputata eletta in Lombardia + Consigliere Comunale a Bollate (MI)

Bruno CENSORE
Deputato e letto in Calabria + Consigliere Regionale in Calabria

Antonio Decaro
Deputato eletto in Puglia + Consigliere Regionale in Puglia

Umberto DEL BASSO DE CARO
Deputato eletto in Campania + Consigliere Regionale in Campania

Marco Di Maio
Deputato eletto in Emilia-Romagna + Consigliere Comunale a Forlì

Marco DONATI
Deputato eletto in Toscana + Assessore ad Arezzo

Roger DE MENECH
Deputato eletto in Veneto + Sindaco a Ponte nelle Alpi (BL)

Umberto D'OTTAVIO
Deputato eletto in Piemonte + Assessore Provinciale a Torino

Vincenzo D'ARIENZO
Deputato eletto in Veneto + Consigliere Comunale a Verona

Alan FERRARI
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Comunale a Giussago (PV)

Andrea FERRO
Deputato eletto nel Lazio + Consigliere Comunale a Tivoli (RM)

Vincenzo FOLINO
Deputato eletto in Basilicata + Consigliere Regionale in Basilicata

Gian Mario FRAGOMELI
Deputato eletto in Lombardia + Sindaco a Cassago Brianza (LC)

Silvia Fregolent
Deputata eletta in Piemonte + Consigliere Provinciale a Torino

Edoardo FANUCCI
Deputato eletto in Toscana + Vicesindaco a Montecatini-Terme (PT)

Luigi FAMIGLIETTI
Deputato eletto in Campania + Sindaco a Frigento (AV)

Marilena FABBRI
Deputata eletta in Emilia-Romagna + Consigliere Provinciale a Bologna

Maria Chiara Gadda
Deputata eletta in Lombardia + Consigliere Comunale a Fagnano Olona (VA)

Mauro GUERRA
Deputato eletto in Lombardia + Vicesindaco a Tremezzo (CO)

Maria IACONO
Deputata eletta in Sicilia + Consigliere Comunale a Caltabellotta (AG)

Antonella INCERTI
Deputata eletta in Emilia-Romagna + Sindaco ad Albinea (RE)

Cecile Kyenge Kashetu
Deputata eletta in Emilia-Romagna + Consigliere Provinciale a Modena

Giampiero GIULIETTI
Deputato eletto in Umbria + Sindaco a Umbertide (PG)

Giovanni LEGNINI
Deputato eletto in Abruzzo + Consigliere Comunale a Chieti

Enzo Lattuca
Deputato eletto in Emilia-Romagna + Consigliere Comunale a Cesena

Irene Manzi
Deputata eletta nelle Marche + Vicesindaco a Macerata

Giovanna Martelli
Deputata eletta in Lombardia + Vicepresidente della Provincia di Mantova

Andrea MANCIULLI
Deputato eletto in Toscana + Consigliere Regionale in Toscana

Simona Flavia MALPEZZI
Deputata eletta in Lombardia + Consigliere Comunale a Pioltello (MI)

Gianna MALISANI
Deputata eletta in Friuli-Venezia Giulia + Assessore a Udine

Michele MOGNATO
Deputato eletto in Veneto + Consigliere Comunale a Venezia

Alessia MORANI
Deputata eletta nelle Marche + Assessore Provinciale a Pesaro-Urbino

Alessandra Moretti
Deputata eletta in Veneto + Vicesindaco a Vicenza

Sara MORETTO
Deputata eletta in Veneto + Consigliere Comunale a Portogruaro (VE)

Romina MURA
Deputata eletta in Sardegna + Sindaco a Sadali (CA)

Fabio MELILLI
Deputato eletto nel Lazio + Consigliere Comunale a Poggio Moiano (RI)

Matteo MAURI
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Provinciale a Milano

Michele PELILLO
Deputato eletto in Puglia + Consigliere Regionale in Puglia

Emma Petitti
Deputata eletta in Emilia-Romagna + Consigliere Comunale a Rimini

Paolo PETRINI
Deputato eletto nelle Marche + Consigliere Regionale nelle Marche

Teresa Piccione
Deputata eletta in Sicilia + Consigliere Comunale a Palermo

Luca PASTORINO
Deputato eletto in Liguria + Sindaco a Bogliasco (GE)

Dario PARRINI
Deputato eletto in Toscana + Sindaco a Vinci (FI)

Simonetta RUBINATO
Deputata eletta in Veneto + Sindaco a Roncade (TV)

Matteo RICHETTI
Deputato eletto in Emilia-Romagna + Consigliere Regionale in Emilia Romagna

Francesco Ribaudo
Deputato eletto in Sicilia + Sindaco a Marineo (PA)

Roberto Rampi
Deputato eletto in Lombardia + Assessore a Vimercate (MB)

Gian Piero SCANU
Deputato eletto in Sardegna + Consigliere Comunale a Olbia

Angelo SENALDI
Deputato eletto in Lombardia + Assessore a Gallarate (VA)

Giovanni SANGA
Deputato eletto in Lombardia + Consigliere Comunale a Entratico (BG)

Laura Venittelli
Deputata eletta in Molise + Consigliere Provinciale a Campobasso

Giorgio Zanin
Deputato eletto in Friuli-Venezia Giulia + Consigliere Provinciale a Pordenone

Diego Zardini
Deputato eletto in Veneto + Consigliere Provinciale a Verona


FONTE: http://politici.openpolis.it/politici-italiani-eletti-in-tutti-i-livelli-istituzionali



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. parlamentari pd doppi incarichi

permalink | inviato da bojafauss il 10/4/2013 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
12 marzo 2013
Berlusconi non eleggibile nel '94 ...ma la sinistra chiuse un occhio

Subito dopo le elezioni politiche del 1994 venne posto (proprio come sta accadendo oggi) il problema dell'ineleggibilità di Silvio BERLUSCONI. Per la legge italiana sono infatti ineleggibili "Coloro i quali hanno un determinato rapporto di natura economica con lo Stato". Berlusconi è (ed era) ineleggibile in quanto titolare di concessioni pubbliche (televisioni).

A segnalarlo ai giornali fu Mirella CECE del Movimento Europeo Liberal Cristiano sconfitta proprio da Berlusconi nel Collegio1 di Roma che ricordava appunto i contratti televisivi di appalto con lo Stato e addirittura lamentava la "palese coercizione, pressione psicologica e plagio sui propri dipendenti ed elettori":



Naturalmente la Giunta per le Elezioni proclamò Berlsuconi eleggibile (la decisione spetta agli altri parlamentari eletti). Ma il deputato PecoraroScanio ricordava (su LaStampa del 21 luglio 1994) le molte assenze della Sinistra: "Se le opposizioni si fossero presentate compatte, viste anche le defezioni tra le file della maggioranza, probabilmente ora Berlusconi non sarebbe più onorevole":

Come andrà a finire stavolta?


facebook
8 marzo 2013
Festa della donna (indovina quale)



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. livia turco pd vitalizio pensione

permalink | inviato da bojafauss il 8/3/2013 alle 8:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
25 gennaio 2013
Desistere, desistere, desistere


facebook
3 gennaio 2013
Gli strani/strambi candidati del PD

Quelli che seguono sono alcuni dei primi nomi dei prossimi (quasi)sicuri parlamentari torinesi del PD. A leggere il loro curriculum si fatica a comprendere cosa c’entrino con l’attuale PD (o cosa c’entri il PD con loro ...o se il PD, su alcuni temi abbia davvero una linea comune...).

Cesare DAMIANO che nel 1991 da sindacalista CGIL era fortemente contrario all’abolizione della “scala mobile” per difendere il potere d’acquisto dei salari dei lavoratori ma che nel 2012 ha votato a favore della “riforma Fornero”.

 

Luigi BOBBA, “pacifista” delle ACLI che nel 2004 presentava il corso di formazione “S.C.U.D.O.” dell’ENAIP insieme al general manager della Logan’s Ltd, società internazionale specializzata in sicurezza antiterrorismo di matrice israeliana che si avvaleva di istruttori altamente specializzati: ex agenti dell’esercito israeliano e dei corpi speciali statunitensi.

 

Giacomo PORTAS, fondatore dei MODERATI per il Piemonte, attualmente deputato del PD ma qualche anno fa nelle prime file del centrodestra torinese (Forza Italia).

 

facebook
19 dicembre 2012
Referendum sull'inceneritore...



facebook
24 novembre 2012
Dedicato agli astenuti...

facebook
19 novembre 2012
Ma non era Grillo ad espellere i dissidenti?
PARTITO davvero DEMOCRATICO?

Sui giornali semmai si legge questo:

Espulsa dal Pd l'ex sindaco di Avigliana, con lei vicesindaco e assessore.

Acqui Terme. Ferraris e Giglio espulsi dal Pd.

Il Gruppo del Partito Democratico del IV Municipio di Roma ha deciso di espellere il consigliere Giorgio Limardi, a seguito di un ripetuto comportamento difforme alle linee del partito.

Mario Russo, Valerio Addentato e Roberto Merlini sono stati espulsi dal segretario del PD provinciale di Roma Carlo Lucherini. 

Agropoli. Carmine Parisi: "Cacciato dal Pd perché ho denunciato la speculazione edilizia".

Troina. Espulsi dal PD due consiglieri comunali, per avere votato in contrasto con le indicazioni del partito.

Castiglione del Lago. Rosanna Ghettini, Caterina Bizzarri, Giancarlo Parbuono e Ivano Lisi espulsi dal PD.

Terremoto PD Alessano: espulsi Cosimo Del Casale e Donato Melcarne.

Piacenza, bufera nel Pd: espulsi i sostenitori di Renzi dall’esecutivo. Sostituiti i dirigenti con una telefonata. 

Rapallo, sono stati espulsi dal PD: Maria Cristina GERBI, Giorgio BRACALI, Alessio CUNEO, Emanuele GESINO, Maurizio Ivan MASPERO, Maria MORRESI, Giulio RIVARA.

La segreteria cittadina di Orta Nova ha attivato le procedure per il deferimento del consigliere comunale Antonio Bellino alla Commissione di garanzia, alla quale sarà proposta l’espulsione dal PD per violazione dello statuto e del codice etico. 

San Mauro Torinese, Rudy Lazzarini espulso dal PD insieme a un nutrito gruppo di colleghi.

CASERTA. Rino Zullo è stato espulso dal PD.

Carmelo Mazzola e Domenico Prisinzano sono stati espulsi dal PD di Castelbuono.

Afragola: Valentino espulso dal PD.

Sei iscritti al PD allontanati dal partito per non aver appoggiato Marini candidato sindaco a Frosinone.

Solidarietà a Paolo Dean ex sindaco di Fiumicello e a Rosanna Fasolo, ex assessore della giunta Dean, espulsi dal PD.

Terlizzi. Segreteria Pd: «Espulsi dal partito Ceci, Grassi e Adamo».

Avezzano. Il Partito democratico ha avviato la procedura per espellere Nicola Pisegna Orlando dal partito.

Anghiari. Danilo Bianchi espulso dal PD.

Campobello di Licata, il consigliere comunale Mimmo Tascarella espulso dal PD.

Gavorrano. Serena Remi, ex segretaria Pd ha presentato ricorso al Comitato Provinciale dei Garanti contro il provvedimento di allontanamento dal partito: «Registra pecche di forma ed è infondato».

Siena. Sospensione dal partito per Giovanni Bazzini, Anna Gioia, Luca Guideri, Giancarlo Meacci, Lucio Pace, Alessandro Piccini e Gian Luca Ranieri.

Belluno. Il Pd “scomunica” Massaro e gli vieta di iscriversi.

Mondragone. Sfiducia Cennami, espulsi dal Pd i tre consiglieri.

Il Pd passa ai fatti espulsioni ad Alessano.

San Giuliano Terme, il Pd espelle dal partito due consiglieri comunali.

Teramo. Le critiche scatenano l'epurazione. Espulso presidente comunale Pd.

Eboli. Salvatore Marisei, Carmine Campagna, Antonio Petrone, Armando Cicalese, espulsi dal PD.

…continua…



facebook
16 novembre 2012
I voti dei CinqueStelle provengono da destra...


facebook
3 ottobre 2012
Le spese dei Gruppi consiliari non sono sindacabili
Giorni fa ho scritto a Valerio CATTANEO, Presidente del Consiglio Regionale piemontese chiedendogli di verificare se i manifesti affissi ad Asti riportanti il logo del Consiglio Regionale del Piemonte (Gruppo consiliare regionale del Partito Democratico)...

...sono stati effettivamente pagati con i fondi per le spese di "Funzionamento dei gruppi consiliari" previsti con la L.R. n.12/1972 e nel caso, se rientrano tra le spese ammesse dalla citata legge:
- per l'acquisto di libri e riviste;
- per l'attività svolta dai Gruppi funzionalmente collegate ai lavori del Consiglio e alle iniziative dei Gruppi stessi;
- per eventuali consulenze qualificate o collaborazioni professionali di esperti necessari per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dei Gruppi.

A mio avviso questo tipo di "propaganda" (di per se legittima) non rientra in nessuno dei tre casi tantomeno nell' "attività svolta dai Gruppi funzionalmente collegate ai lavori del Consiglio e alle iniziative dei Gruppi stessi" in quanto il Partito Democratico sostiene il Governo MONTI che ha approvato il decreto di accorpamento e soppressione di alcune province pertanto si desume essere favorevole a questa riorganizzazione delle province (vedi dichiarazione del segretario del PD, Bersani: "...noi abbiamo una nostra proposta che prevede di ridurre e accorpare le Province...") inclusa quella astigiana come previsto nel decreto.

Questa è la risposta ufficiale del Consiglio Regionale:


facebook
30 settembre 2012
Consiglieri festaioli (e rimborsati?)

La consigliera Angela Motta (del PD), in merito allo "scandalo rimborsi" (su cui indaga la Guardia di Finanza) ha dichiarato a LaStampa che «...gli inviti sono moltissimi. Inviti ai quali sovente partecipano il prefetto e rappresentanti delle forze dell’ordine. Per i sindaci la presenza di un consigliere è un riconoscimento del loro lavoro. Per noi è anche l’occasione di svolgere attività politica. Come si dice, la campagna elettorale comincia il giorno dopo che sei stato eletto...». 

Dove fosse la consigliera MOTTA nel mese di agosto 2011 è cosa nota: lo scrive lei sul suo profilo Facebook pubblicando le foto degli eventi cui partecipa. Sono questi gli eventi istituzionali rimborsati? 











Chiediamo ai consiglieri tutti di farci capire quali impegni istituzionali li hanno "obbligati a lavorare" (e percepire i relativi rimborsi previsti per legge) 15-20 giorni ad agosto. Pubblicheremo le loro risposte.

facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE