.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
25 maggio 2012
Maurizio LUPI meglio di Dio!
E’ Maurizio LUPI (consigliere dei Verdi-Verdi in Piemonte - da non confondere con il Maurizio Lupi deputato del PdL) il recordman tra i consiglieri regionali piemontesi. Nel primo anno e mezzo di attività aveva presentato DUE Proposte di Legge. Negli ultimi mesi ne ha presentate altre 34!
Nemmeno DIO è stato all’altezza (vedi tabella sotto).

A dire il vero non è che LUPI abbia lavorato poi molto per scriverle visto che le sue ultime PdL sono tutte formate da UN SOLO ARTICOLO:


In totale sono 262 le proposte di legge presentate in due anni di lavoro in Consiglio Regionale. Alcune sono "copiate" dalla legislature precedenti (vedi qui), due (la n.114 e la n.115) sono proposte di Enti locali, una di iniziativa popolare (la n.116), 45 sono i Disegni di Legge proposti direttamente dalla Giunta.


ZERO proposte di legge presentate (come "primo firmatario"): Biolè, Boniperti, Botta Franco Maria, Burzi, Bussola, Comba, Cortopassi, Costa Anna Rosa, Dell’Utri, Formagnana (subentrato a Molinari a inizio 2012) Gariglio, Giovine, La Rocca, Leardi, Lepri, Marinello, Mastrullo, Muliere, Novero, Ponso, Spagnuolo, Toselli.

N.B.
Almeno tre consiglieri regionali mi hanno scritto lamentando di non aver conteggiato bene. Chiarisco (ancora una volta): le Proposte di Legge simili, identiche o scopiazzate da altre, questo blog non le conteggia!


facebook
10 ottobre 2011
Un anno e mezzo in ConsiglioRegionale (e c'è chi ancora scalda solo la poltrona)

Sono 171 le proposte di legge presentate in un anno e mezzo di lavoro in Consiglio Regionale. Alcune sono "copiate" dalla legislature precedenti (vedi qui), due (la n.114 e la n.115) sono proposte di Enti locali, una di iniziativa popolare (la n.116), 29 sono i Disegni di Legge proposti direttamente dalla Giunta.
Ne restano 70, scritte e presentate in qualità di "primo firmatario" da soli 29 consiglieri. Gli altri 31 consiglieri non ne hanno presentata nemmeno una
(come primo firmatario):

ZERO proposte di legge presentate (come "primo firmatorio"): Angeleri, Biolè, Boniperti, Botta Franco Maria, Burzi, Bussola, Cantore, Comba, Cortopassi, Costa Raffaele, Costa Anna Rosa, Dell’Utri, Gariglio, Giordano, Giovine, Gregorio, La Rocca, Leardi, Lepri, Maccanti, Manica, Marinello, Mastrullo, Molinari, Muliere, Negro, Novero, Ponso, Sacchetto, Spagnuolo, Toselli.


Non hanno presentato (in qualità di "primo firmatario") nemmeno una Proposta di Legge, nemmeno una Mozione, nemmeno un Ordine del Giorno, nemmeno una Interpellanza, nemmeno una Interrogazione ben 5 consiglieri (vedi QUI): Cristiano BUSSOLA (PdL) - Girolamo LA ROCCA (PdL) - Elena MACCANTI (Lega Nord) - Gianfranco NOVERO (Lega Nord) - Claudio SACCHETTO (Lega Nord).


facebook
23 maggio 2011
Un anno di (NON) lavoro in Consiglio Regionale
Quante Proposte di Legge hanno presentato in un anno i consiglieri regionali del Piemonte?
142.... direte voi
142 ...dice il sito internet ufficiale

47
diciamo noi di Bojafauss

(+ 13 Disegni di Legge presentati dalla Giunta Regionale
+ 2 proposte di legge di iniziativa popolare)

...meno di una a testa ...e
ben 37 consiglieri non ne hanno presentata
nemmeno una come primo firmatario

Tempo fa avevamo pubblicato una "classifica" per valutare in qualche modo la "produttività" dei nostri consiglieri regionali. Ma avevamo commesso un errore gravissimo! Qualcuno ci ha fatto notare che molte (moltissime) Proposte di Legge presentate quest'anno erano state già presentate nelle passate legislature ed ora riproposte (talvolta da chi nemmeno le aveva scritte!).

Tanto per fare qualche esempio:
- la PdL n.31/2010 "Istituzione dell'Ufficio del Garante per i Diritti degli Animali" presentata da Buquicchio (IdV) era stata scritta e presentata da Moriconi (degli ECOLOGISTI A SINISTRA) nel 2005;
- la PdL n.19/2010 "Tutela e valorizzazione del patrimonio storico e archivistico delle donne In Piemonte" presentata da ARTESIO (FedSinistra) era stata scritta e presentata da Cotto (di ForzaItalia) nel 2007...
...e così via.


Proviamo allora a calcolare quante e quali Proposte di Legge ex novo sono state presentate come "primo firmatario" dai consiglieri regionali...

ZERO proposte di legge presentate (come "primo firmatorio"): Angeleri, Biolè, Boeti, Boniperti, Botta Franco Maria, Burzi, Bussola, Cantore, Comba, Cortopassi, Costa Raffaele, Costa Anna Rosa, Cursio, Dell’utri, Gariglio, Giordano, Giovine, Gregorio, Laus, Leardi, Leo, Lepri, Maccanti, Manica, Marinello, Mastrullo, Molinari, Montaruli, Muliere, Negro, Novero, Ponso, Sacchetto, Spagnuolo, Stara, Tiramani, Toselli.


Ma c’è chi ha fatto di peggio non presentando come “primo firmatario” nemmeno una Mozione, nemmeno un Ordine del Giorno, nemmeno una Interpellanza, nemmeno una Interrogazione. Di questo gruppo di NonLavoro fanno parte i consiglieri: Bussola (PdL), Cantore (PdL), COSTA Anna Rosa (PdL), GIORDANO Massimo (LegaNord), MACCANTI Elena (LegaNord), NOVERO Gianfranco (LegaNord), SACCHETTO Claudio (LegaNord).

"Finalmente" s'è messo al lavoro anche il tristemente famoso GIOVINE Michele (Pensionati per Cota) che in un anno ha presentato come "primo firmatario" un solo Ordine del Giorno n.209 di SOLIDARIETA’ AL SENATORE BRIGANDI’, INDAGATO!


Ora...
...siccome l'Art.26 comma 2 dello Statuto della RegionePiemonte dice che "Il Consiglio ha la potestà legislativa" (che comprende anche la possibilità di proporre leggi abrogative di altre leggi magari inadatte/superate/insensate, se non si ritiene opportuno o se non si ha voglia di scriverne altre) suggeriamo ai consiglieri regionali improduttivi di valutare l'opportunità di dimettersi (o di mettersi al lavoro sul serio).

facebook
22 dicembre 2010
Mentre fuori si gela, qualcuno scalda la poltrona.
Quanto sono produttivi i nostri Consiglieri Regionali? Sulla qualità del lavoro giudichi ciascun cittadino. Sulla quantità la "classifica" è presto fatta.

(N.B.
per ogni consigliere abbiamo tenuto conto
soltanto delle Proposte di Legge, Interrogazioni e Interpellanze, Mozioni e Ordini del Giorno presentati come PRIMO FIRMATARIO (che spesso è il Presidente del Gruppo Consiliare). Abbiamo (arbitrariamente) dato un "peso" ai diversi atti dei consiglieri: 5 "voti" ad ogni Proprosta di Legge, 1 "voto" ad ogni Interrogazione e ogni Interpellanza, 3 "voti" ad ogni Mozione e ad ogni Ordine del Giorno presentati).





facebook
11 novembre 2010
Comanda Cota
Il Consiglio Regionale non serve a nulla? La domanda è legittima se si analizzano i documenti.

Dalla data di insediamento della IX Legislatura piemontese ad oggi sono state promulgate 11 leggi.

Ciò che balza all'occhio è che ben 8 su 11 sono relative a Disegni di Legge proposti dalla GIUNTA di Roberto COTA e solo tre riguardano le Proposte di Legge (in tutto 72) dei consiglieri regionali. Ma la "sorpresa" non finisce qui: vediamo di quali leggi si tratta.

1) la Proposta di Legge n. 45 (di PdL + LegaNord + PD + IdV) "Modifiche alla Legge n.3/2010 - Norme in materia di edilizia sociale" è diventata Legge Regionale n.17/2010 la cui scrittura deve avere assai impegnato i proponenti in quanto il relativo testo si compone di una (anzi mezza) riga: "Art. 1 - comma 1. "Il comma 5 dell'Art.31 della L.R. n.3/2000 è sostituito dal seguente: "La Giunta regionale nomina il presidente e il vicepresidente tra i membri di cui ai commi 3 e 4";

2) la Proposta di Legge n. 23 (del PD) "Terza legge regionale di abrogazione" è diventata Legge Regionale n.21/2010 e in pratica riguarda la mera abrogazione "...di quelle normative regionali che nel frattempo sono state superate da sopravvenuta normativa (statale o regionale) o che hanno in qualche modo cessato i loro effetti diventando inoperanti...";

3) la Proposta di Legge n. 6 (del PD + Movimento5stelle) "Valorizzazione e conservazione dei massi erratici di alto pregio paesaggistico, naturalistico e storico" diventata Legge Regionale n.23/2010 (forse l'unica vera legge propositiva da parte dei consiglieri ...che va ad incidere sul bilancio regionale per ben €. 50.000 ...!!!).


Quindi soltanto una (anzi mezza) Proposta di Legge dei consiglieri di PdL e LegaNord è stata accolta.


Che il Parlamento "lavora" quasi solo per approvare i Ddl del Governo è cosa nota ma che in Regione Piemonte accade una cosa simile lo immaginavate?





facebook
28 ottobre 2010
Preferenza senza trasparenza
Di una certa mancanza di trasparenza in Regione avevamo già parlato qui mesi fa. Ma oggi ci è capitato di rilevare una forse ancor più grave mancanza del Consiglio Regionale nei confronti dei cittadini/elettori. Sul sito della banca dati delle leggi regionali sono visibili tutte le Proposte di Legge presentate dai consiglieri e il relativo iter ma manca la parte più importante: i cittadini non possono conoscere come votano i loro rappresentanti in Consiglio Regionale.
Di norma, per ogni proposta di legge viene reso pubblico se un politico ha votato a favore o contro una legge in modo che il cittadino possa valutarne l'operato per confermargli o meno il voto nella prossima tornata elettorale.
In Parlamento funziona proprio così: per ogni deputato, per ogni Proposta di Legge, il cittadino può conoscere chi ha votato e come. Infatti cliccando ad esempio
sul sito della Camera possiamo vedere che ad esempio l'ex deputato Roberto COTA nella Seduta n.32/2008 aveva votato favorevolmente all'approvazione della Legge n.124/2008 "DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SOSPENSIONE DEL PROCESSO PENALE NEI CONFRONTI DELLE ALTE CARICHE DELLO STATO" detta anche “Lodo Alfano”.

La RegionePiemonte invece si è dimenticata di pubblicare queste informazioni relative ad ogni consigliere. Beh, se si sono solo dimenticati, probilmente provvederanno al più presto...



facebook
9 ottobre 2010
Più spazzacamini per ripulire il "nero"
Sono già 73 i Disegni e le Proposte di Legge presentate in Regione in questi primi mesi di legislatura.
Alcune davvero interessanti (è possibile commentarle qui grazie al  Movimento5stellePiemonte che le ha inserite sul proprio Forum aperto ai cittadini). Altre un po' singolari, soprattutto in un periodo di emergenza (crisi economica, privatizzazioni, lavoro, emergenze rifiuti e inceneritori, ecc.) come questo.

Infatti alcuni consiglieri regionali ritengono urgente che la Regione si occupi di:

1) Istituzione di un fondo per l'edilizia scolastica finalizzato esclusivamente alle scuole paritarie senza fini di lucro non dipendenti di Enti Pubblici
(cioè solo per le scuole private)Proposta di legge regionale n.20/2010.

2) Ripristino della festività nazionale del 4 Novembre, giorno dell'Unità Nazionale (per rendere il doveroso omaggio alle Forze Armate affinchè le nostre generazioni, assuefatte dal benessere materiale
possano riscoprire e apprezzare i valori per i quali tanti giovani italiani hanno sacrificato le loro vite): Proposta di legge regionale n.44/2010.

3) Affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione (attuabili prevedendo nel "Comitato della Regione Piemonte per l'affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana" la rappresentanza di tutti i partiti politici, delle Associazioni partigiane, ..... delle Associazioni combattentistiche d'arma e di reduci...)
: Proposta di legge regionale n.46/2010.
 
4) Interventi a sostegno del "Museo dello spazzacamino" cui si propone la nuova  denominazione di "Museo regionale dell'emigrazione vigezzina nel mondo": Proposta di legge regionale n.59/2010.

5) Promozione ed immagine dell'architettura razionalista (finalizzata alla riscoperta delle bellezze architettoniche del Ventennio e alla valorizzazione delle strutture architettoniche e dei monumenti del periodo littorio): Proposta di legge regionale n.63/2010 in merito alla quale ci preme sottolineare che a noi di Bojafauss non è minimamente passato per la testa che questa proposta abbia la benchè minima intenzione di "...attuare iniziative di revisionismo esaltando quelli che furono veri e propri vanti del regime..." come spiegato anche nella relazione di accompagnamento dei promotori tra i quali troviamo Marco BOTTA (già iscritto al MSI),  Massimiliano MOTTA (già Iscritto al Fronte della Gioventù e consigliere della Circoscrizione2 di Torino dal 1990 al 1996 per il MSI), Gian Luca VIGNALE (iscritto nel 1985 al Fronte della Gioventù e dirigente nazionale fino al 1998) e Augusta MONTARULI che IL FOGLIO di Giuliano Ferrara indica come "...l'animatrice di scontri
(ideologici e no) con la sinistra e i centri sociali..." quando guidava il Fuan (sigla universitaria di Azione giovani) e della quale sono state pubblicate sul web alcune foto (FALSE dice lei) che la ritraggono a Predappio (probabilmente in gita parrocchiale).



facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE