.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
2 gennaio 2013
Regali di Natale...


facebook
29 ottobre 2012
Cinque stelle zero rimborsi


facebook
26 luglio 2012
E' in vigore la prima "legge contro i grillini"

Al Movimento 5 stelle non importerà nulla visto che ogni anno rifiuta 314.000 € di rimborsi elettorali (vedi qui) ma nel dubbio (non si sa mai, Grillo potrebbe ripensarci) i partiti hanno subito trovato la soluzione: nemmeno un €uro al Movimento 5 stelle visto che non ha uno statuto.


facebook
17 maggio 2012
LaStampa sfotte BOSSI
Emblematica la pag.2 de LaStampa di oggi:



facebook
19 aprile 2012
il patrimonio di SEL dipende al 94% dai rimborsi elettorali

Sfogliando i bilanci dei partiti si capisce come mai chiuderebbero in caso di abolizione dei finanziamenti pubblici. Ad esempio il patrimonio di Sinistra e Libertà di Vendola ammontava a 3.330.900 € nel 2010 ...di cui ben 3.132.006 € di contributi elettorali.


facebook
17 aprile 2012
Senza rimborsi elettorali fanno politica solo i ricchi (di Sinistra)

facebook
12 aprile 2012
Toh, il rimborso elettorale è doppio!
I finanziamenti pubblici ai partiti sono stati aboliti da un referendum ma qualcuno ha pensato bene di reintrodurli chiamandoli rimborsi elettorali. In teoria i partiti prendono un "rimborso spese" per ogni tornata elettorale moltiplicato per cinque (il numero degli anni di durata di ogni legislatura). Ma se una legislatura dura 2 anni? "Beh, inutile complicarsi la vita e interpellare scienziati e matematici di tutti il mondo per moltiplicare una cifra per due. Teniamo buona la cifra iniziale già moltiplicata per 5 e spartiamoci il malloppo" avrà pensato il legislatore di turno. Detto fatto: la legislatura2006 è durata solo due anni ma il "rimborso elettorale" è stato pagato cinque volte (dai cittadini ai partiti): nel 2006, nel 2007, nel 2008, nel 2009 e nel 2010. Il rimborso elettorale relativo alle elezioni 2008 è stato pagato nel 2008, nel 2009, nel 2010, nel 2011 e verrà pagato a luglio 2012. Per ben tre volte (anni 2008-2009-2010) il rimborso elettorale è stato percepito doppio (N.B. doppio sia per la Camera che per il Senato ...quindi quadruplo, da sommarsi al rimborso per le Elezioni Europee e a quello per le Elezioni Regionali ...proprio come prevede la legge).

 



facebook
9 aprile 2012
RIMBORSI ELETTORALI 2011: LI HA PRESI ANCHE IL RADICALE PANNELLA!
Leggendo la Gazzetta Ufficiale dell’anno scorso si scopre che nel 2011 sono stati erogati rimborsi elettorali ai partiti relativi alle elezioni:
- Regionali 2006 in Molise;
- Politiche 2008 per la CAMERA DEI DEPUTATI;
- Politiche 2008 per il SENATO;
- Regionali 2008 in Sicilia;
- Regionali 2008 in Friuli-Venezia-Giulia;
- Regionali 2008 per le Province Autonome di Trento e di Bolzano;
- Regionali 2008 in Abruzzo;
- Regionali 2009 in Sardegna;
- Europee 2009;
- Regionali 2010.

Tra tutti i partiti che oggi propongono di abolire il rimborso elettorale, tutti l’hanno percepito (tutti tranne il MOVIMENTO 5 STELLE di Beppe Grillo).

In totale, solo nel 2011, gli italiani hanno pagato di tasse ben 190.000.000 di € per finanziare i partiti. I partiti maggiori si sono spartiti la fetta più grossa:
- PDL: €. 70.000.000;
- PD:   €. 58.000.000;
- LEGA NORD – Bossi: €. 17.500.000;
- IDV - DiPietro: €. 12.000.000;
- UDC – Casini: €. 10.900.000;
- FedSinistra + Rfondazione + Comunisti: €. 2.300.000;
- MOVIMENTO PER LE AUTONOMIE – Lombardo: €. 1.500.000;
- LA DESTRA: €. 1.300.000;
- SEL – Vendola: €. 1.000.000 ;
- Marco PANNELLA - Emma BONINO: €. 210.000;
- MOVIMENTO 5 STELLE – Beppe Grillo: €. 0,00 (ZERO)










Le altre tabelle si trovano sulla GazzettaUfficiale n.174/2011.

facebook
7 aprile 2012
PadanCard
Ci sono cose che nemmeno MasterCard può comprare...



facebook
6 agosto 2010
Se i partiti rispettassero il Referendum chiuderebbero domani causa bancarotta.
Gli italiani hanno bocciato, grazie al Referendum dell'aprile 1993, il finanziamento pubblico (cioè soldi pubblici: tasse pagate dai cittadini) ai partiti. Naturalmente i politici hanno inventato un metodo per raggirare l'esito del referendum introducendo (pochi mesi dopo) il "contributo per le spese elettorali" (cioè soldi pubblici: tasse pagate dai cittadini) ai partiti.

Poi la Legge n.157/1999 ha normato il rimborso che però non ha alcuna attinenza diretta con le spese effettivamente sostenute per le campagne elettorali. Infatti i partiti spendono molto meno di quanto poi ricevono come rimborso: alcuni ricevono il doppio, altri 20 volte tanto.

Per capire quanto incide il rimborso elettorale sulle casse dei partiti basta dare un'occhiata al Rendiconto annuale che pubblicano sui loro siti internet (qualcuno li pubblica, qualcun altro ...mah..!).

Il Partito Democratico ha proventi per 74.578.000 € di cui 68.628.000 € (il 92%) da rimborso spese elettorali (cioè soldi pubblici), 5.373.000 € (il 7%) da contributi provenienti dai Parlamentari (cioè soldi pubblici dati ai parlamentari e poi girati, se vogliono, al partito) e 577.000 € (meno delll'1%) da contributi provenienti da persone fisiche (cioè da parte di cittadini simpatizzanti del PD).

Stesso discorso vale più o meno per l'Italia dei Valori. Proventi per 22.047.000 € di cui:
- 21.237.000 € (il 96%) da rimborso spese elettorali (cioè soldi pubblici);
-        2.000 € di contributo dal Gruppo Camera dei Deputati (cioè soldi pubblici);
-     739.000 € (il 3%) da contributi provenienti dai Parlamentari (cioè soldi pubblici dati ai  parlamentari e poi girati, se vogliono, al partito);
-      19.000 € da libere contribuzioni da parte dell’eletto della Provincia autonoma di Trento;
-     
50.000 € da libere contribuzioni da parte di simpatizzanti dell’IdV.

Rifondazione Comunista invece incassa proventi per 9.232.000 € di cui 8.237.000 € (l'89%) da rimborso spese elettorali (cioè soldi pubblici), 242.000 € (il 3%) da contributi provenienti da persone fisiche (deputati o semplici cittadini? ..mah!), 385.000 € (il 4%) dalle quote associative annuali, 368.000 proventi da att. edit., manifes. e altro.


Non siamo riusciti a trovare online i bilanci/rendiconti degli altri partiti. Provateci voi, magari siete più bravi!



In merito al finanziamento pubblico ai partiti è inoltre doveroso ricordare che:

- RadioRadicale riceve ogni anno un finanziamento pubblico di 8.330.000 € per la convenzione con lo Stato per la trasmissione delle sedute del Parlamento e di 4.431.000 € dai fondi per l'editoria in quanto organo della Lista Marco Pannella. L'emittente sottolinea che "...è da tutti riconosciuto il fatto che proprio la filosofia editoriale dell’emittente ha rappresentato una garanzia di obiettività nel servizio di trasmissione delle sedute parlamentari...".

- il Movimento 5 Stelle beppegrillo.it ha rifiutato (come promesso in campagna elettorale) i rimborsi elettorali ralativi alle elezioni regionali in Piemonte e in EmiliaRomagna.

 
  

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rimborsi elettorali

permalink | inviato da bojafauss il 6/8/2010 alle 9:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE