.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
25 luglio 2011
Fassino: "Nessuno diventa miliardario facendo il parlamentare" ...tranne Fassino
Piero Fassino vive di politica dal 1975. Quell'anno fu eletto consigliere comunale del capoluogo piemontese (seggio che manterrà per dieci anni). A quel tempo il gettone di presenza per il consigliere comunale ammontava a circa 10.000 Lire.
Non sappiamo se Fassino fosse sempre presente ai consigli (ma se ci farà avere i dati aggiorneremo il conteggio)  …ma ipotizziamo che abbia partecipato ogni mese a 20 sedute percependo quindi circa 200.000 Lire. A quei tempi un operaio della FIAT guadagnava di più: Fassino non s’è certo arricchito facendo il consigliere comunale.

Dal 1985 al 1990 è stato consigliere provinciale a 70.000 Lire a seduta …circa 1.400.000 Lire al mese. In confronto ad un operaio (600.000 – 1.100.000 di Lire) Fassino ha sicuramente messo da parte qualcosina in quegli anni …ma non come un miliardario.

Tra il 1991 e il 1994 Fassino è segretario internazionale del neonato partito (PDS) e percepisce (forse?) uno stipendio dal partito (quanto? ..boh!).

Dal 1994 al 2011 (si è da poco dimesso per fare il Sindaco di Torino) è deputato con uno stipendio lordo di circa 15.000 € al mese (dice lui...! Per i numeri precisi vedere la tabella sottostante con i dati ufficiali della Camera dei Deputati). Da domani, come sindaco percepirà circa «cinquemila euro netti al mese, cioè meno della metà di quello che prendeva da deputato».

Quindi dal 1994 al 2010 Fassino ha percepito (ipotizziamo ...per difetto) 10.000 € netti al mese ….per 12 mesi …per 16 anni = €. 1.920.000 cifra che naturalmente non rende Fassino miliardario in €uro ma in Lire si.

Anzi, ipotizzando che Fassino per vivere spenda 2.000 € al mese, avrà messo da parte almeno 8.000 € al mese (96.000 € l’anno) per 16 anni che investiti anche solo al tasso del 3% (i BOT hanno reso di più) oggi produrrebbero più o meno un gruzzolo di OLTRE TRE MILIARDI di Lire (quasi due milioni di euro).

Ebbene si, a differenza di quanto dice Fassino si diventa miliardari facendo il parlamentare …a meno che il partito non obblighi i suoi politici a versare lo stipendio (tutto? In parte? metà? quanto?) nelle casse nazionali …restiamo in attesa delle ricevute di bonifico.
 

P.S.
Ad attendere Fassino c'è anche un assegno vitalizio mensile di qualche migliaia di euro e un assegno di fine mandato...



 


Lo stipendio di un deputato (fonte: Camera dei Deputati)

INDENNITA': 12 mensilità x 5.486 euro, al netto delle ritenute previdenziali (€ 784) e assistenziali (€ 526) della quota contributiva per l'assegno vitalizio (€ 1.006) e della ritenuta fiscale (€ 3.899).
DIARIA: 4.003 euro mensili.
RIMBORSO SPESE: rimborso forfetario per le spese inerenti al rapporto tra eletto ed elettori: somma mensile di 4.190 euro.
SPESE DI TRASPORTO: per i trasferimenti dal luogo di residenza all'aeroporto più vicino e tra l'aeroporto di Roma-Fiumicino e Montecitorio, è previsto un rimborso spese trimestrale pari a 3.323.
SPESE TELEFONICHE: I deputati dispongono di 3.098 euro all'anno.
ASSEGNO DI FINE MANDATO: Il deputato versa mensilmente una quota del 6,7% della propria indennità lorda, pari a 784 euro. Al termine del mandato parlamentare, il deputato riceve l'assegno di fine mandato, che è pari all'80 per cento dell'importo mensile lordo dell'indennità, per ogni anno di mandato effettivo.
ASSEGNO VITALIZIO: Il deputato versa mensilmente una quota - l'8,6% pari a 1.006 euro - della propria indennità lorda, che viene accantonata per il pagamento degli assegni vitalizi, come previsto da un apposito Regolamento approvato dall'Ufficio di Presidenza il 30 luglio 1997 e successive modificazioni.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fassino deputato sindaco dimissioni stipendio

permalink | inviato da bojafauss il 25/7/2011 alle 16:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
26 aprile 2011
QUALUNQUEMENTE Torino


facebook
6 marzo 2011
Finalmente vedremo Coppola in Consiglio Comunale?
Il centrodestra ha scelto il suo candidato a  sindaco per Torino, Michele COPPOLA, che a differenza del "giovane senza esperienza politica" candidato dal Movimento 5 Stelle, è un giovane con esperienza politica: Consigliere Comunale della Città di Torino dal 1999, Vicepresidente del C.C. dal 2003 al 2010, Assessore in Regione Piemonte dal 2010 ad oggi.

Esperienza anche in ambito privato
:  dal 2008 rapporti di consulenza e collaborazione con l’impresa di comunicazione Panmedia S.p.A., dal 2003 direttore delle Relazioni Istituzionali per il Gruppo IN ADV con sede in Via Legnano 26, storica azienda di comunicazione torinese che può vantare tra i suoi clienti anche:
- la RegionePiemonte ...€.5.000 per attività di comunicazione;
- la RegionePiemonte ...€.5.000 per iniziativa di comunicazione istituzionale;
- la RegionePiemonte ...€.28.000 per iniziativa di comunicazione per le pari opportunità;
- la
RegionePiemonte ...€.4.800 per iniziative di comunicazione istituzionale;
- la RegionePiemonte ...€.15.000 per
iniziativa di comunicazione istituzionale; 
- la RegionePiemonte ...
Lire 12.900.000 incarico alle ditte IN ADV e Realy Easy Star;
- la RegionePiemonte ...Lire 5.426.400 per spese di trasferta realizzazione di campagna pubblicitaria;
- la RegionePiemonte ...Lire 58.800.000 per incarico per lo studio e l’ideazione di una campagna televisiva per la promozione dell’offerta turistica piemontese;
- la RegionePiemonte ...€.3.360 alla Ineditha S.r.l., Via Legnano 26 (facente parte del Gruppo In Adv) per l’ideazione e la progettazione di un poster illustrativo della rete “Natura 2000";
- la RegionePiemonte ...€.16.482 alla In Editha S.r.l. per azioni di comunicazione e immagine;
- la RegionePiemonte ...Lire 42.000.000 alla In Editha S.r.l. per iniziativa di comunicazione relativa al sito internet regionale;
- la RegionePiemonte ...€.9.129
alla In Editha S.r.l. per azioni di comunicazione e immagine;
- la RegionePiemonte ...€.5.400 alla In Editha S.r.l. per Iniziative di comunicazione istituzionale;  
- la
RegionePiemonte ...€.1.200 alla In Editha S.r.l.  per l’applicazione del logo europeo Natura2000 sul poster da esterno formato 100x140 per la promozione della rete Natura2000.

Finalmente vedremo Michele COPPOLA più spesso in ConsiglioComunale visto che dal Gennaio2010 non si è più fatto vedere. Nell'Aprile2010 si era dimesso da Vicepresidente del ConsiglioComunale (non per opportunità politica a non ricoprire doppi incarichi, ma perchè obbligato dallo Statuto della città di Torino) mantenendo però la carica di ConsigliereComunale nel gruppo di ForzaItalia–Pdl (da cui s'è dimesso qualche settimana fa).

La tabella qui sotto (che elenca le presenze alle sedute del Consigliere Comunale GRIMALDI MARCO e quelle del Consigliere Comunale MICHELE COPPOLA) da l'idea di quali politici portano avanti l'incarico affidatogli dagli elettori e quali no.




facebook
12 febbraio 2011
Primarie PD: ha finto Fassino!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. primarie pd pd fassino torino sindaco

permalink | inviato da bojafauss il 12/2/2011 alle 14:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
25 gennaio 2011
Ghiglia: "Voglio le auto in Piazza San Carlo"
Agostino GHIGLIA sta vincendo  le "primarie online" del centrodestra per la designazione del candidato a Sindaco di Torino.

Come (tutti?) gli altri candidati dei partiti tradizionali, anche Ghiglia non è nuovo alla politica.

La sua "carriera" comincia, per la cronaca nera torinese, nel 1986 quando viene condannato per aggressione e lesioni insieme all'amico ("camerata") Massimiliano Motta.


Le prodezze politiche continueranno per molti anni. Nel 1987 arriva un'altra denuncia per rissa...


...nel 1988 il "leghista" Roberto GREMMO ne chiede le dimissioni da consigliere comunale di Borgaro T.se perchè GHIGLIA è assenteista dal 1985...

...nel 1989, in qualità di "Coordinatore nazionale della commissione droga" del Fronte della Gioventù - MSI, Ghiglia organizza un incontro invitando un esperto (vedi curriculum) come Vincenzo Muccioli...


...nel 1994 si candida per la Camera dei Deputati con un programma che, se fosse approvato oggi, metterebbe in crisi il suo alleato Berlusconi:


Ma la proposta che più colpisce (Torino) è quella del 01/06/1994 quando Ghiglia e AN sostengono i commercianti nella lotta contro la chiusura alle auto di Piazza San Carlo: "L'ennesimo scempio: la città rimarrebbe tagliata in due parti".
Chissà che appena eletto Sindaco di Torino, non rilanci la sua vecchia proposta riportando la piazza ai suoi "antichi splendori" degli anni '70:


facebook
14 gennaio 2011
Ho deciso: voterò Fassino! (quello del '75)
Piero Fassino non vive di politica da 25 anni (come spesso ricorda BeppeGrillo) ma da molti di più.

In Piemonte, nel 1975 il PCI raggiunge il massimo del consenso...


...poi arriva Fassino...


Da allora il PCI comincia a perdere voti: il 4% in meno in Italia nel 1979. A Torino, nei quartieri il calo è del 4, del 7, finanche del 10%. Ma Fassino dichiara che non è colpa di nessuno inaugurando la prassi che da quel momento caratterizzerà il centrosinistra, "SQUADRA CHE PERDE NON SI CAMBIA": “Se qualcuno s'attende da noi la caccia alle streghe, la ricerca a tutti i costi del colpevole, si sbaglia di grosso, non ci conosce”:


Nel 1983 elezioni politiche. In Piemonte e a Torino il PCI perde ancora: dal 40% del 1976 in città scende al 34%.
Questi i risultati del PCI-PDS a Torino dopo l'arrivo di Fassino:


Qualche anno fa il "Caso UNIPOL" con il Giudice Clementina Forleo (ancora oggi senza scorta) che tira in ballo alcune telefonate sospette tra D’Alema, Consorte e Fassino (poi scagionato):


Lo so, è impossibile votare il Fassino di oggi. Ma se potessi voterei il Fassino annata 1975 che il 28 febbraio di quell'anno, in qualità di responsabile della FGCI-GiovaniComunisti, dichiarava a LaStampa «L'età media, da noi, è di appena 17 anni. Il 52% degli iscritti è della classe operaia, il 37% sono ragazze. E' un nostro vanto l'aver dato, per primi, spazio ai giovani. Basti, per dimostrarlo, l'articolo dello statuto che limita a due sole legislature la permanenza dei nostri deputati. Noi comunisti contribuiamo, in concreto, a "svecchiare" il Parlamento ».
Due sole legislature ...cioè dieci anni ...non male per uno che vive di politica da 36 anni...!

 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd ds fassino pci fgci sindaco pds primarie torino

permalink | inviato da bojafauss il 14/1/2011 alle 16:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
11 gennaio 2011
Vittori(a)o a 5 stelle
Sarà Vittorio BERTOLA il candidato sindaco di Torino per il Movimento5Stelle. Lui e la sua lista www.movimentotorino.it hanno non-vinto le non-primarie a 5 stelle in quanto risultano l'unica lista che ha presentato la documentazione completa per l'accreditamento del blog di BeppeGrillo.

Anche al nostro invito aveva risposto solo la lista con Bertola portavoce (teniamo in cassaforte le loro risposte e le pubblichieremo a maggio insieme a quelle degli altri candidati a sindaco).

Sembra che la documentazione dell'altra lista "Movimento Torino per la Democrazia Partecipativa" fosse mancante di alcuni certificati penali dei candidati (la "regola grillina" consente di candidare soltanto cittadini incensurati). Cosa alquanto strana considerato che alla Procura di Torino il Certificato Penale può essere addirittura richiesto online e successivamente ritirato da una persona delegata (cioè, in parole povere, una sola persona potrebbe recarsi al Tribunale munito di trenta deleghe e recuperare tutti i certificati penali in un'ora).




 

facebook
9 gennaio 2011
Cantore d'altri tempi

Daniele CANTORE entra in politica nel PSI negli anni ’80 sotto l’ala protettiva di Giusi La Ganga diventando anche presidente nazionale dei Giovani Socialisti.

E’ stato consigliere regionale nella V legislatura durante la quale ha presentato ZERO proposte di legge. Durante la VII legislatura invece ha presentato, come primo firmatario, ZERO proposte di legge. Rieletto nell'attuale IX legislatura, ha presentato fino ad oggi, come primo firmatario, ZERO proposte di legge.

E’ stato consigliere comunale un po’ ovunque: Grugliasco, Sauze d'Oulx, Torino, Chiusa di San Michele (ereditata dal padre, più volte sindaco) e nella Comunità Montana Bassa Valle di Susa. Ora si ricandida alle "primarie" del centrodestra per Torino.


Nel PSI capisce subito come funziona la "prima repubblica":

...nel 1987 in un’intervista dichiarava: “…Quando sono arrivato qui, gli iscritti erano 23 mila. Troppi: c'erano tante persone non consapevoli d'essere iscritte al Psi”...

...nel 1991, per essere eletto in Consiglio Regionale spende 51.000.000 di lire per la campagna elettorale...


…ma poi in Consiglio Regionale è spesso assente...


...durante il periodo di Tangentopoli quasi tutto il PSI viene chiamato in causa…

   

…ma Cantore ne esce sempre pulito e alla prima occasione si ripresenta, non più socialista (Cantore risulta anche iscritto al Partito Radicale nel 1993), ma travestito da liberale di Forza Italia:


Non male per uno che nel 1987 dichiarava : “…Sono proprio i padri gesuiti che m'han regalato la lezione più forte. La lezione è che la politica è un servizio reso agli altri... Troppi di noi, anche nel mio partito, pensano soltanto al potere da occupare".

facebook
21 settembre 2010
il Profumo coprirà la puzza?
Api, Udc e finiani spingono per convincere il Rettore del Politecnico Francesco Profumo a candidarsi come Sindaco di Torino (ma non era uno dei candidati del PD?).

Considerata la caratura morale (politica e giudiziaria) dei proponenti, stavolta siamo d'accordo: c'è bisogno di un bel po' di profumo! Tra loro infatti troviamo:

- Francesco Rutelli, quello che se la prendeva con il Vicequestore di Palermo Gioacchino Genchi e che ha unito l'API a Rifondazione Democristiana (si si, avete letto bene) di Publio Fiori e agli Ambientalisti del Buon Governo di Camillo Piazza (promotori di una petizione per un’Alleanza ecologica per l’Italia che in quattro mesi ha raccolto ben 14 firme);

- Valerio Zanone, ex PLI, ora fondatore dei Comitati Liberali;

- il finiano Benedetto della Vedova, che non si capisce bene cosa e come c'entri con l'API e il "centro" visto che ha presentato proposte per la liberalizzazione di droghe leggere, prostituzione, eutanasia, fecondazione assistita, per l'istituzione del matrimonio omosessuale, per la totale laicità dello Stato;

- il consigliere comunale di Torino Gavino Olmeo che oltre al merito di aver fatto intitolare a Torino una piazza a  Giovanni Paolo II ha anche quello di essere un esperto di scassamento di marroni.


facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE