.
Annunci online

bojafauss
Notizie dal baratro (cioè dal Consiglio Regionale)
9 marzo 2015
a Torino si parla di MAFIA ma la stampa non partecipa

Mi aveva stupito non poco poter avere (in qualità di “blogger a tempo perso”) facilmente il pass per i posti riservati alla stampa in occasione di un grande evento come quello di sabato scorso a Torino con personaggi del “calibro” di Salvatore Borsellino, Renato Accorinti, Sabina Guzzanti, Marco Travaglio e il giudice Antonino Di Matteo. Eppure il Movimento delle Agende Rosse di Torino, organizzatore delll'evento, mi aveva subito risposto positivamente: "Il pass è pronto". Strano…avrei dato per scontato che quei posti sarebbero stati riservati alla stampa “vera”


Probabilmente i pass-stampa saranno molti, pensai. Nulla di tutto questo. Arrivando lì sabato ho scoperto che gli otto posti riservati alla stampa erano per metà liberi! La sala era piena. L’evento importante. La stampa assente. Sulle edizioni locali di Repubblica e Stampa del giorno dopo nemmeno un trafiletto.

Per fortuna il FattoQuotidiano ha trasmesso la diretta streaming dell’evento (visibile QUI).

A Travaglio è toccato spiegare come mai la nuova legge “contro” il reato di voto di scambio politico-mafioso non è altro che uno slogan ma sarà sostanzialmente un flop (vedi QUI).

Accorinti ha raccontato che l’Ars (consiglio regionale siciliano) gli ha vietato l’ingresso in quanto “privo di giacca e cravatta” (vedi qui) mentre possono accedervi senza problemi gli indagati che indossano giacca e cravatta.

Per la serie “al peggio non c’è mai fine” Salvatore Borsellino ha avuto l’onere di informare i cittadini in sala che Di Matteo non sarebbe venuto perché lo stato ha dichiarato di non riuscire a garantire per la sua sicurezza. Per quella di Berlusconi invece nessun problema.

In ultimo Sabina Guzzanti ha raccontato le vicissitudini legate alla proiezione del film La Trattativa, praticamente sparito dalle sale dopo poche settimane ma tornato alla ribalta (con relative sale di nuovo piene) dopo la proiezione avvenuta alla Camera dei Deputati grazie all’iniziativa dei parlamentari del Movimento 5 stelle.

Tutto questo c’entrerà qualcosa con il fatto che l’Italia si trova al 73° posto nella classifica mondiale della libertà di stampa?

 Fabio MARTINA - BojaFauss

 

facebook
11 aprile 2014
Chiamparino settepoltrone ...anzi OTTO
"Chiamparino settepoltrone" titolava qualche mese fa l'editoriale di Travaglio sul FattoQuotidiano.

Consigliere comunale a Moncalieri nel 1975, poi segretario regionale della Cgil, segretario provinciale del Pds, consigliere comunale a Torino, deputato del Pds, sindaco dal 2001 al 2011 e infine Presidente della Compagnia di San Paolo.

Ne ha dimenticata una, Travaglio. Chiamparino, già nel 1977 era Consigliere di Amministrazione dell'Istituto Bancario SAN PAOLO di Torino.

Caso vuole che abbiamo trovato la notizia in un necrologio....."Al destino, come sappiamo, non manca il senso dell'ironia" (Morpheus - Matrix).




facebook
26 settembre 2013
Il comune agli sfrattati: "Per una casa rivolgetevi ai Centri Sociali Occupati"
Consigliere (di Circoscrizione 3 - Torino) Maura PAOLI (Movimento5stelle), la sua frase su Facebook "I servizi sociali mandano la gente allo sportello casa del Gabrio!" era una battuta, vero?

Maura PAOLI: No. E' è un po' un Segreto di Pulcinella: lo sanno quasi tutti.


Cioè è tutto vero e quello citato non è un caso isolato?

Maura PAOLI: Alcune persone che hanno occupato le case ci han detto di esser state mandate al Centro Sociale Occupato Autonomo "GABRIO" sia dai servizi sociali del comune che dal centro servizi LO.C.A.RE.
Gli occupanti del Gabrio(che da qualche tempo hanno aperto il loro Sportello Diritto alla Casa) ci confermano quanto sopra.
Anche a me direttamente, a volte, qualcuno ha chiesto un riferimento del Gabrio per poter indirizzare la gente sfrattata.
L'emergenza abitativa a Torino è gravissima: su 10.000 richieste di case popolari ne vengono consegnate solo 500 all'anno. Il comune ignora il problema e chiude un occhio sulle occupazioni. Tra l'altro stanno impedendo agli occupanti l'iscrizione alle liste anagrafiche, negando la residenza e questo non solo significa che i cittadini "occupanti" non avranno così diritto a servizi Asl, servizi scolastici, servizi per contributi economici, servizi per emergenza abitativa, cimiteriali, cantieri di lavoro, ecc. ma anche che il Comune non ha l'identificazione del luogo di residenza di questi cittadini con conseguente impossibilità di sottoporli a regolare tassazione comunale con evidente danno all'erario.
Questo accade in un paese "civile" dove per legge è previsto che la residenza è un diritto...!
A Roma i presidenti di tre municipalità hanno requisito alcune palazzine sfitte per darle ai cittadini romani sfrattati. Sono stati denunciati ma poi assolti perchè il reato non sussisteva in quanto giustificato dal caso di necessità e urgenza. L'unico problema è che loro non avevano questo potere che la legge delega al Sindaco e al Prefetto ...che se volessero...!




facebook
31 gennaio 2013
Maggior fabbisogno...
DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 11 gennaio 2013: Determinazione del maggior fabbisogno relativo agli anni 2003-2007 in favore di alcune regioni per l'esercizio delle funzioni e compiti conferiti ai sensi degli articoli 8 e 12 del decreto legislativo 19 novembre 1997, n. 422, in materia di trasporto pubblico locale. (13A00738) (GU n.25 del 30-1-2013)




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. GTT TORINO PIEMONTE MAGGIOR FABBISOGNO

permalink | inviato da bojafauss il 31/1/2013 alle 10:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
16 gennaio 2013
Strane prospettive a 5 stelle (trova l'errore)
Torino l'altra sera....



facebook
19 dicembre 2012
Referendum sull'inceneritore...



facebook
5 dicembre 2012
Eticità a 5 stelle ...a perso d'oro
Alcuni candidati “a 5 stelle” per la circoscrizione Piemonte1 (Torino e provincia) hanno voluto sottoscrivere un ulteriore “impegno etico” (lo trovate qui). Il documento termina con l’invito ad indicare da parte del candidato quale cifra si impegna a devolvere “verso la cassa del Movimento” (probabilmente una “cassa” torinese visto che il MoVimento5stelle non ha ne personalità giuridica ne un conto corrente) ogni mese qualora venisse rilevata una violazione agli impegni da lui sottoscritti.

La prima cosa che salta all’occhio è che qualche candidato ha dichiarato che, nel caso di violazione dell’”impegno etico” si impegnerà a devolvere ogni mese una cifra nettamente superiore a quella che percepirà (N.B. i parlamentari a 5 stelle si ridurranno l’indennità mensile da € 10.435 a €. 5.000 lordi). Per scoprire se lo faranno davvero non ci resta che controllare il loro lavoro in Parlamento e le eventuali violazioni.

Discorso a parte merita il candidato che ha indicato come cifra “L'ECCEDENZA SUI 5.000”. Siccome l’eccedenza sull’indennità di €. 5.000, i parlamentari 5 stelle dovranno lasciarla nelle casse dello Stato, non è chiaro quale sarà la “sanzione” che si impegna a devolvere…!


Questi sono i candidati e la relativa cifra mensile che si impegnano a devolvere in caso di violazione dell’”impegno etico”:

Caria Domenico: €. 100.000
Di Santo Natale: €. 100.000
Fontanone Glauco: €. 100.000
Arduino Salvatore: €. 50.000
Santarella Michele: €. 50.000
Battagliotti Patrizia: €. 20.000
Galluzzi Marco: €. 20.000
Valetti Federico: €. 20.000
Airola Alberto: €. 12.000          
Grivellino Marco: €. 12.000
Albano Daniela: €. 10.000
Chimienti Silvia: €. 10.000
Della Valle Ivan: €. 10.000
Fanton Saverio: €. 10.000
Ricci Roberto: €. 10.000
Grosso Sergio Lorenzo: €. 10.000
Merotto Roberto: €. 10.000
Unia Alberto: €. 10.000
Bellanca Xavier: €. 7.500

Armeni Davide: €. 5.000
Borsello Claudio: €. TUTTA L'INDENNITA'
Carlevaris Cinzia: €. 5.000
Castelli Laura: €. INTERO IMPORTO EMOLUMENTI
Cicchirillo Carlo: €. 5.000
Di Virgilio Daniela: €. 5.000
Guasti Roberto: €. 5.000
Fornari Antonio: €. 5.000
Latini Corazzini Yari: €. 5.000
Lumini Danilo: €. 5.000
Maule Stefano: €. 5.000
Scibona Marco: €. INTERO IMPORTO EMOLUMENTI
Varacalli Federico: €. 5.000

Cardone Margherita: €. 3.000
Calmistro Mirco: €. META' RETRIBUZIONE
Domanin Ermes: €. 2.000
Vilardo Franco: €. 2.000
Turri Alberto: €. 1.000
Bechis Eleonora: €. 1
Falli Davide: €. 0,01

Mandrini Pierluigi: DIMISSIONI IN BIANCO

Ferraris Bengt: L'ECCEDENZA SUI 5.000

 
Non hanno indicato la cifra:
Bertero Massimo        
Bertilorenzi Sara
Bussone Gianfranco
Caruso Gianpaolo
Colacino Domenico
Cubito Marco
Del prete Luca
Doppioni Mauro Dante
Fiore Mario
Friscia Anna
Gianoglio Andrea
Giustetti Alessandro
Lovera Danilo
Murra Gian Mario
Navone Angelo
Oresta Gianluca
Picca    Valeria
Pizzini Bruno Andrea
Reppucci Alessandro
Vaiana Rosolino
Vernero Alessandro

P.S.
Questo blog condivide il suddetto ”impegno etico” e invita tutti i candidati a 5 stelle d’Italia a sottoscriverlo.




 
facebook
16 ottobre 2012
"I SEGRETI DEL PD" (coming soon)

Sembra che il sindaco di Torino, Piero FASSINO sia contrario ad una commissione d'inchiesta che indaghi sugli affidamenti dati senza gara e resi pubblici con l'ormai noto CD.

Strano, perchè un amministratore dovrebbe essere molto contento di poter contrastare eventuali illeciti o sprechi a danno dei suoi cittadini.

E le cooperative oneste, gli imprenditori e gli artigiani onesti, le ditte oneste non dicono nulla?



facebook
21 settembre 2012
SEL: "Non votiamo le proposte dei consiglieri antipatici"

Che i partiti colgano sempre l'occasione per fare propaganda è cosa nota. Meno noto è che a volte pur di far dispetto agli avversari politici votino contro una loro Proposta di Legge ...per poi copiarla tale e quale e ripresenterla come "farina del proprio sacco" (vedi QUI). 

Certo che sentirlo dire durante una seduta di Consiglio non ha prezzo!

Scrive infatti Fabio VERSACI, consigliere circoscrizionale del Movimento 5 stelle a Torino: "Il capogruppo di SEL Berghelli lo ammette che lui tante volte vota contro perchè presentato da qualcuno dell’opposizione che magari non gli va troppo giù".


facebook
11 settembre 2012
Il PD copia le proposte "grilline" ma poi non le sa applicare

Già nel 2002 il centrosinistra di Chiamparino approvò una mozione con l’obiettivo di introdurre nella Pubblica Amministrazione torinese l’uso di software libero.

Non essendo stati fatti passi avanti, nel 2012 il centrosinistra di Fassino ha ri-proposto (e approvato) una mozione simile.

I "passi avanti" di questi ultimi 10 anni li ha scoperti il consigliere (del Movimento 5 stelle) Vittorio BERTOLA. Ecco il suo commento su Facebook:


facebook
15 maggio 2012
Quando l'On. Esposito organizzava i contestatori

L'On. Stefano ESPOSITO (deputato PD), sostenitore indefesso del TAV è noto alle cronache per le sue forti critiche al Movimento No-Tav e ai suoi "eversori".

Venti anni fa invece stava in cima alle "barricate" contestando le scelte del potere (allora governava quel Berlusconi che oggi sostiene il Governo MONTI insieme a Esposito). Lui e il gruppo degli "studenti preoccupati" (anzi "furiosi") manifestavano in piazza, organizzavano momenti di autogestione (autorizzata?) nelle scuole e concerti (autorizzati?) nelle aule universitarie, si incatenavano ai termosifoni del Comune, invitavano i professori a "non dare il 7 in condotta" ai contestatori e bollava le forze dell'ordine come "angeli custodi del FUAN" (il movimento studentesco universitario di destra legato al MSI).

Non so voi ma ...a me il Movimento No-Tav sembra molto più tranquillo.





   


 

facebook
16 marzo 2012
Pilu e cemento anche a Torino

Si legge in questo dossier: "Nel capoluogo piemontese sono in corso o previsti interventi infrastrutturali ed edilizi per almeno 11,7 miliardi di euro distribuiti fra grandi opere stradali, ferroviarie e di trasporto pubblico, oltre che in uno sviluppo urbano senza precedenti, esteso su circa 3 milioni di metri quadrati di aree industriali dismesse, la maggior parte delle quali lungo l’asse nord-sud del passante ferroviario, dando corpo a una nuova centralità urbana e facendo del mercato immobiliare uno dei settori portanti della nuova fase economica della città, caratterizzata dal passaggio della monocultura dell’auto a una diversificazione di attività produttive".




 

facebook
28 ottobre 2011
Il TAV? Fatelo sulla Torino-Chivasso!

Con il TAV arriveremo a Lione in metà tempo. "Ottimo!" esclameranno i torinesi che si recano spesso a Lione. Ma quanti sono i Torinesi che si recano a Lione? Per scoprirlo basta dare un'occhiata all'orario delle FS: i treni per Lione sono 3 al giorno (anzi, due più un bus). I treni per Chivasso sono 58. Beh, se proprio volete farlo il TAV...

   


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Tav Torino Lione Chivasso NoTav

permalink | inviato da bojafauss il 28/10/2011 alle 17:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
21 ottobre 2011
Un politico confessa: "Paghiamo i consiglieri anche quando non lavorano"
Sotto la minaccia della redazione di BojafaussTV un politico locale confessa le nefandezze della Casta (vedi video).



facebook
20 ottobre 2011
Seleziona il Vescovo, assume il Comune

Accade a Torino (anzi, in tutta Italia ...o meglio, solo in Italia!) ...ed è tutto a norma di legge (pubblicato qui):






facebook
4 ottobre 2011
Si inaugura il Cecchi Point (dirlo ai Consiglieri ci è costato 1.380 €)

Dopo anni di lavori, finalmente domani a Torino si inaugureranno i nuovi locali del centro multiculturale CecchiPoint (a nostro avviso è un bel progetto). Ieri i Consiglieri della Circoscrizione7 sono stati ufficialmente convocati per assistere alla illustrazione del progetto. Non hanno dovuto votare nulla ne esprimere un parere in quanto il progetto è stato approvato anni fa. Il presidente dell'associazione che gestisce/coordina il CecchiPoint ha sollecitato la Circoscrizione7 a sostenere anche in futuro l'iniziativa (per sistemare tutta l'area sono necessari altri fondi) ma gli è stato cordialmente risposto che "Non ci sono soldi" e che ci si dovrà mettere tutti d'impegno per trovare altrove le risorse.
Beh, a dire il vero prima dell'inizio della seduta la Circoscrizione7 aveva in cassa almeno 1.380 € ...che però spettano ai 23 Consiglieri presenti in quanto questa seduta di Commissione I-V dà loro diritto a percepire il "gettone di presenza" di 60€ (lordi)!
Il consigliere Fabio VERSACI (Movimento5stelle) ha fatto rilevare l'assurdità di una convocazione ufficiale dei consiglieri. Gli è stato risposto che se LUI vuole può rinunciare al "gettone di presenza".

Nelle stesse ore la Circoscrizione2 era ufficialmente riunita
 per discutere del "Regolamento per la fruizione dei servizi al pubblico dell'Archivio Storico". La consigliera Serena IMBESI (Movimento5stelle) racconta che "...la seduta è durata 11 minuti...".
Anche qui sono stati spesi 60 x 22 = 1.320 € di soldi pubblici (senza contare le spese accessorie: luce, locali, pulizia, personale, ecc.).
Ci risulta che i consiglieri Serena IMBESI e Marco BARLA (Lista Civica LA PIAZZA) hanno deciso di rinunciare al "gettone di presenza" per questa seduta.

P.S.
Giovedì 6 ottobre il Consiglio Circ7 si riunirà di nuovo. C
hissà se qualcuno riterrà opportuno chiedere spiegazioni al consigliere Romano in merito a questo fatto.

facebook
25 giugno 2011
La prima "cazzata" di Fassino...
La prima "cazzata" di Fassino l'hanno ammirata l'altra notte i torinesi in riva al Po:



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fassino Torino fuochi d'artificio

permalink | inviato da bojafauss il 25/6/2011 alle 0:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
facebook
15 giugno 2011
Mafia e politica, un sostanziale pareggio.
Nei giorni scorsi hanno fatto scalpore le notizie sui rapporti tra 'ndranghetisti e alcuni politici di centrosinistra che hanno coinvolto sindaciex sindaci, consiglieri, deputati .

E' di oggi la notizia che anche nel centrodestra piemontese assessori, consiglieri  ed ex sindaci  non sono proprio degli stinchi di santo.

Quindi, un sostanziale pareggio tra centrodestra e centrosinistra.



facebook
31 maggio 2011
ABBIAMO UN COMUNE!
facebook
19 maggio 2011
Fassino non ha vinto (ipotesi par condicio)
I dati ufficiali sulle elezioni comunali torinesi parlano chiaro: PIERO FASSINO 56,66% - MICHELE COPPOLA 27,30% - VITTORIO BERTOLA 4,97% - ALBERTO MUSY 4,86%.



Questi numeri però non tengono conto della "NON par condicio"!
Cosa sarebbe accaduto se ogni candidato avesse avuto lo stesso spazio sui media per poter far conoscere le proprie proposte?

Azzardiamo qualche conteggio:
LaStampa dal 1 al 16 maggio 2011 ha dato a Fassino il 38% dello spazio, a Coppola il 31%, a Musy il 25% e a Bertola il 6% (agli altri candidati ancora meno).
Il TGR-Piemonte ha parlato di Fassino 275 minuti cioè il 28% dello spazio totale, di Coppola il 40%, di Musy il 26% e di Bertola il 6%.
Facendo una media (azzardata ma realistica) si può notare che Fassino ha avuto il 33% degli spazi, Coppola il 35,5%, Musy il 25,5% e Bertola il 6%.

E SE TUTTI E TRE AVESSERO AVUTO LO STESSO SPAZIO,
QUALE SAREBBE STATO IL RISULTATO IN CABINA ELETTORALE? 

QUESTO: FASSINO 42,9% - Coppola 19,2% - Musy 4,7% - Bertola 20,7%



Un altro ipotetico (e sempre azzardato) conteggio si potrebbe fare sulle spese elettorali sostenute dai candidati. In totale sono stati spesi 1.561.900 € per trovare 422.523 voti:
FASSINO €. 666.600 per 255.242 voti con una spesa media di €. 2,61 a voto
COPPOLA €. 751.050 per 122.982 voti: €. 6,11 a voto
MUSY €. 140.750 per 21.896 voti: €. 6,43 a voto
BERTOLA €. 3.500 per 22.403 voti che corrispondono a €. 0,16

E SE TUTTI E TRE AVESSERO POTUTO SPENDERE LA STESSA CIFRA,
QUALE SAREBBE STATO IL RISULTATO IN CABINA ELETTORALE? 


QUESTO:


facebook
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE