Blog: http://bojafauss.ilcannocchiale.it

Se spari a mille caprioli sei in regola ...ma se disturbi il cacciatore la multa è di 10.000 €.

L'assessore regionale William CASONI ha presentato  il Ddl n.54/2010 di riforma del "Testo unico sulle aree naturali e la biodiversità" (ex L.R. n.19/2009) che ha l'obiettivo di dare “...più spazio alla fruizione delle aree protette da parte dei cittadini”.

Intanto sull'ultimo BollettinoUfficiale è stato pubblicato l'elenco delle specie animali oggetto di prelievo venatorio per la stagione di caccia 2010/2011. Naturalmente la parola prelievo non è da intendersi come "ritiro, requisizione o cattura" ma come abbattimento (uccisione).

Gli abbattimenti selettivi sono "necessari" perchè troppi animali su un piccolo territorio causano danni alle colture (ma allora perchè continuano le attività di ripopolamento tipo queste?).

Oltre all'abbattimento (ops, prelievo) di 1.820 lepri, 20.717 fagiani, 4.408 starne, 955 pernici rosse, 4.170 germani reali, 990 volpi, 253 cervi, 89 mufloni, 484 camosci e 1.093 caprioli, il menzionato Ddl prevede anche un nuovo comma da aggiungere all'Art.55 della L.R. n.19/2009 che dice: "11bis. Chiunque impedisca la realizzazione degli interventi di cui all'Art.33 (cioè gli abbattimenti selettivi, le catture e i prelievi, le reintroduzioni e i ripopolamenti) è soggetto alla sanzione amministrativa da 5.000 €  a 10.000 €".

Che sia una norma pensata per evitare le proteste (nonviolente) di alcuni ambientalisti e le loro ormai note azioni di disturbo venatorio tipo quella ripresa in questo video?




Pubblicato il 7/8/2010 alle 15.36 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web