Blog: http://bojafauss.ilcannocchiale.it

"Riforma Fornero" o "Riforma Chiamparino"?

Ricordate le polemiche sulla riforma dell'Art.18 dello Statuto dei Lavoratori? Da allora non è più obbligatorio il reintegro del lavoratore licenziato senza "giusta causa" ma è possibile risarcirlo economicamente (e poi liberarsene per sempre).
La proposta è dell'allora Ministro Elsa Fornero.


Qualcosa in parte simile l'aveva però già formulata un gruppo di parlamentari "di sinistra" che in merito alla "...cosiddetta tutela reale del posto di lavoro"..." (N.B. testuale!) propone di "...superare la rigidità della vigente versione dell'articolo 18..." che prevedeva sempre l'obbligo della reintegrazione nel posto di lavoro all'accertamento della irregolarità del licenziamento.

Chiamparino & C. propongono (proposta di legge n.6835 del 29 marzo 2000) quindi soluzioni alternative:

  1. L'articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, è sostituito dal seguente:

        "Art. 18 - (Tutela in caso di licenziamento) - 1....il giudice, qualora accerti l'insussistenza della giusta causa... relativamente ai rapporti di lavoro di cui all'articolo 2 della legge 11 maggio 1990, n. 108, ordina la riassunzione del lavoratore o, in mancanza, il versamento di un'indennità...
        2. Con riferimento ai rapporti di lavoro diversi da quelli considerati dall'articolo 2 della legge 11 maggio 1990,n. 108, il giudice, accertati i medesimi presupposti di cui al comma 1 del presente articolo, può disporre la riassunzione del lavoratore o, in mancanza, il versamento di un'indennità...".








Pubblicato il 28/8/2013 alle 10.36 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web