Blog: http://bojafauss.ilcannocchiale.it

Con la Legge elettorale a 5 stelle vince "sempre" la Casta

I parlamentari del MoVimento5stelle hanno pubblicato la loro proposta di Legge Elettorale (qui http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/affaricostituzionali/2013/09/una-legge-elettorale-per-i-cittadini.html).
Sfogliano il dossier allegato la frase che forse colpisce di più è questa:



Spiegano inoltre i CinqueStelle: "L’esperienza spagnola dimostra che il sistema induce gli elettori a convergere sulle forze maggiori, così che, di fatto, vi è la concreta possibilità che una forza  politica possa governare da sola in tutti i casi nei quali riesca  ad  ottenere  una  consistenza  elettorale  piuttosto  elevata,  anche  se  non  è  necessario  ottenere  la maggioranza assoluta dei voti, come accadrebbe nei proporzionali puri (in Spagna è capitato che anche col 39% una sola forza politica abbia ottenuto una maggioranza – ancorché risicata – alle Cortes; mediamente, però, occorre qualche punto percentuale in più). Tuttavia, è anche accaduto che l’elettorato spagnolo non abbia  garantito  ad  un  unico  partito  la  maggioranza  assoluta  dei  seggi  e  si  sono  avuti  Governi  retti  in Parlamento  da  una  maggioranza  composta  dai  parlamentari  di  quel  partito  e  da  qualche  forza  politica minore. D’altro canto, tutti i sistemi elettorali (anche i proporzionali molto corretti o i maggioritari puri) accolti dalle democrazie  parlamentari  consolidate  contemplano  l’ipotesi  che  il  voto  non  produca  una  maggioranza precostituita in Parlamento, se l’elettorato è molto diviso.  Basti pensare che col sistema più maggioritario impiegato nelle democrazie classiche, proprio alle ultime elezioni non si è prodotta alcuna maggioranza alla Camera dei Comuni, così che l’attuale Governo Cameron è un tradizionale governo di coalizione".

Fanno notare praticamente la stessa cosa alcuni attivisti (qui: http://files.meetup.com/3936842/risposta_legge_elettorale_comm.I.pdf):




Quello che potrebbe accadere:

Caso 1
Il MoVimento5stelle prende almeno il 39% e gli altri partiti meno: il M5s governa da solo con la maggioranza dei seggi.

Caso 2
Il MoVimento5stelle prende il 38% (o meno): il M5s non fa alleanze con nessuno (la regola è questa) pertanto o i deputati di destra e sinistra sostengono un Governo5stelle senza chiedere nulla in cambio oppure la Casta si coalizza e governa con le larghe intese (larghe spartizioni) come ha sempre fatto.


Pubblicato il 4/10/2013 alle 7.50 nella rubrica a quattro colonne.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web