Blog: http://bojafauss.ilcannocchiale.it

I "grillini" stanno abolendo il reato di immigrazione clandestina (?)

Oggi sul blog di BeppeGrillo  è possibile votare (se si è iscritti certificati) in merito alla proposta dell'abolizione del cosiddetto "reato di clandestinità".  Dopo il parere degli iscritti i Parlamentari M5s sapranno come regolarsi in aula.

Scorrendo i primi commenti (qui http://www.beppegrillo.it/2014/01/votazione_online_sul_reato_di_clandestinita.html) sembra che a favore dell'ABOLIZIONE DEL REATO sia il 50% (dei commentatori), contro il 35%, indecisi/varie il 10%.


Molti non spiegano come aver votato ma si stupiscono (positivamente) della novità:
- "Fatto! che spettacolo!! sembra un sogno. Io ho fatto la mia scelta ma se non vincerà sono contento uguale, viva la democrazia dal basso mai vista prima!" C.M.
- "Questa cosa è talmente bella che non sembra nemmeno di essere in Italia. Grazie" G.T.


Qui di seguito due messaggi (uno a favore e uno contro) presi dal blog e, più sotto, due eletti in parlamento spiegano la loro posizione.

"Non posso votare, però sono per l'abrogazione del reato di clandestinità, per le ovvie ragioni che non serve a niente, solo ad appesantire il lavoro della giustizia. Però, sono a favore di norme che fiancheggino tale abrogazione. Per esempio, la condizione che l'Europa applichi una legge comune in tutti i paesi UE, la quale mette un limite numerico alle persone che possono entrare in Europa o in Italia. Diversi paesi hanno emanato una tale legge di propria iniziativa".
Pietro Polic 13.01.14 13:12

"Purtroppo non posso votare. Ma se potessi certamente voterei il mantenimento della suddetta. Non possiamo diventare l'arca di Noè europea. Essere Italiano,con la I maiuscola, deve essere un onere e un onore; non di certo può l'italianità diventare un buono sconto da supermarket! Così cancelliamo la nostra storia, la nostra cultura. Ius sanguinis non può essere abolito, anzi dovrebbe essere rafforzato. Questa non è xenofobia, è coerenza con i propri ideali. Facciamo come in Australia, Nuova Zelanda ecc.: più controlli e severità per l'immigrazione, e solo dopo che i migranti avranno dato prova di essere bravi cittadini saranno ammessi. P.s Italia paese di migranti? Lo è stata, lo è, e speriamo che non lo sia più!"

Lorenzo Vignozzi 13.01.14 13:06


Andrea Colletti - deputato M5S:
"Oggi possiamo dire la nostra sul c.d. reato di clandestinità. Non voglio veicolare il voto però voglio spiegarvi il perchè del mio voto. Ho votato per l'abrogazione del reato di clandestinità per questi motivi:
1) in realtà non prevede nessuna pena detentiva, ma solo una sanzione pecuniaria che non viene pagata da nessuno ed è quindi inutile;
2) prevede che si svolgano migliaia di processi con un costo enorme per la pubblica amministrazione e con un costo dei cittadini: gli altri processi vengono allungati a dismisura;
3) fino a quando non finisce il processo il clandestino potrà rmianere in Italia: non si può rimpatriare, per il diritto di difesa, una persona che subisce un processo. ciò significa che i tempi di rimpatrio si allungano;
4) è vero che in altri paesi viene previsto il reato di clandestinità però gli altri paesi non hanno l'obbligatorietà dell'azione penale.
Questi sono i motivi che mi hanno portato a votare per l'abrogazione del reato. Ora voi potete valutare al meglio e decidere autonomamente. Buona democrazia!"


Alberto Airola - Senatore M5s:
"Dovete sapere cos'é e come viene punito. Attualmente questo reato penale d'immigrazione clandestina non serve perché di fatto è una multa da 5000 a 10000 euro che si da al clandestino. Ovviamente non la pagherà mai, non è previsto l'arresto e non va a toccare la Bossi -Fini o altre misure come l'espulsione. Di fatto a gran voce dalle procure ai magistrati fino ai centri sociali, tutti ne chiedono l' abrogazione perché serve solo a intasare la giustizia, producendo DECINE di MIGLIAIA di processi senza imputato che dobbiamo pagare noi cittadini (spesso il clandestino nel frattempo se n'è andato). Il problema è che la materia è sempre stata trattata in modo demagogico senza affrontare il problema e solo per dare un contentino simbolico a un elettorato giustamente stanco della situazione di illegalità. Votate ma votate informati perché in questo paese hanno fatto già troppi danni sia l'ignoranza che la demagogia".










Pubblicato il 13/1/2014 alle 12.59 nella rubrica a quattro colonne.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web